registration





Verrà spedita una password via e-mail.

UniPa, pioggia di novit

Rimborsi e sconti sulle tasse per gli studenti più bravi e introduzione della laurea part-time, con la possibilità di “spalmare” il corso di studio su più anni senza essere considerati fuori corso.
L’Ateneo palermitano vara l’anno accademico 2010-2011 con due sostanziali novità. Per quello che riguarda gli incentivi ai più bravi, è stato approvato un regolamento che valorizza i ragazzi che escono dalle superiori con il massimo dei voti (100 su 100) e i migliori laureati di primo livello che si iscrivono alla specialistica.
Dal prossimo anno gli studenti che hanno preso la maturità con 100 su 100 e si immatricolano a un corso dell’Ateneo, avranno il rimborso dei 45 euro pagati par partecipare al test di verifica delle conoscenze iniziali o al bando per i corsi a numero chiuso. Coloro che invece hanno conseguito una laurea di primo livello all’Ateneo di Palermo con il voto massimo (110 su 110) potranno iscriversi al corso di laurea magistrale – di durata biennale – pagando le tasse parametrate a una fascia di reddito inferiore alla propria. I laureati che provengono invece da altre Università, e hanno pure avuto la pergamena con voto massimo, per il primo anno della magistrale avranno il rimborso del contributo di Ateneo.
Misure di incentivazione anche per i ragazzi stranieri che,s e comunitari, indipendentemente dalla loro fascia di reddito, pagheranno tasse relative alla prima, mentre gli extracomunitari saranno considerati sempre a fascia zero. L’altra grande novità è quella della “laurea part-time”, cioè della possibilità offerta agli studenti di spalmare il proprio corso di studi su più anni, a seconda delle proprie esigenze (per un massimo del doppio della durata del corso di studi a tempo pieno), e di conseguenza di rateizzare anche le tasse, pagandole percentualmente ai crediti formativi “acquistati”. A fronte dei 180 crediti formativi di una laurea di primo livello (60 per ogni anno), lo studente potrà decidere al primo anno di pagare le tasse soltanto per 30 – quindi sostenendo un numero minore di esami – e negli anni successivi di proseguire gli studi sempre “a propria misura”, decidendo di pagare tasse per un numero di crediti formativi che va da 30 a 59.
Share

On luglio 23rd, 2010, posted in: News università by
No Responses to “UniPa, pioggia di novit”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus