registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Tra i relatori ex universitari ora dirigenti

Se pensate ad una “rossa” che sfreccia ad alta velocità, quasi certamente vi verrà in mente la Ferrari. Ma c’è un altro bolide di colore rosso, allo stesso modo vanto dell’Italia motoristica. Si tratta della Ducati, protagonista di grandi successi in moto GP e superbike e adesso anche nelle aule d’ateneo.
L’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia (facoltà di Ingegneria) sarà infatti protagonista del “Ducati Day” che riporterà a Modena tecnici della casa bolognese, usciti proprio dall’ateneo emiliano. L’appuntamento per tutti è giovedì 20 maggio nell’Aula FA-0-C della sede di via Vignolese 905. In una vera e propria “full immersion” che inizierà la mattina alle ore 9.15 e che si concluderà, dopo una pausa pranzo, nel pomeriggio alle ore 16.00. 
Così a vestire i panni dei relatori e a raccontare quanto fruttuosa sia stata la propria esperienza universitaria saranno ex studenti della facoltà di Ingegneria di Modena e oggi dirigenti della Ducati Motor Holding. Insieme agli studenti presenti si ritufferanno nell’ambiente accademico che li ha formati per parlare dei loro successi professionali, rivelando ai nuovi ingegneri il fascino del mondo motociclistico e, in particolare, della “rossa” delle motociclette, alcuni esemplari della quale saranno in mostra all’ingresso della sede.
Tra gli ingegneri protagonisti racconteranno dunque la loro esperienza Ernesto Martinelli, che è stato il primo laureato “breve” in Ingegneria Meccanica all’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, ed anche il primo ad impiegare un codice di calcolo monodimensionale che già allora aveva utilizzato solo la facoltà di Ingegneria di Modena. Oggi è Martinelli è l’ingegnere che segue le moto in pista.
E poi ancora Davide Barana e Stefano Fantoni, hanno seguito fra i primi il corso quinquennale in Ingegneria Meccanica (la Meccanica a Modena è nata come costale dei Materiali, una delle due lauree che ha inaugurato l’attività dell’Ingegneria) e oggi sono responsabili dei calcoli fluidodinamici dei motori da competizione.
“Noi siamo orgogliosi per i loro progressi di carriera e nel dar loro un caloroso benvenuto – dice il Preside di Ingegneria Modena, il professor Giuseppe Cantore – li ringraziamo per aver voluto dedicarci un’intera giornata, in modo da trasferire agli allievi di oggi tutto quello che hanno appreso in questi 10 anni dopo la laurea, loro che sono stati tra i nostri più brillanti allievi di ieri”.
Share

On maggio 18th, 2010, posted in: News università by
No Responses to “Tra i relatori ex universitari ora dirigenti”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus