registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Teheran, attacco al campus. La milizia spranga gli studenti

Caccia allo studente. I Basiji, milizie paramilitari komeiniste, hanno gli universitari di Teheran nel mirino.
Lo conferma anche un reportage del Guardian, del 13 luglio scorso, che racconta dei sanguinosi attacchi ai dormitori studenteschi successivi ai disordini post-elettorali, dopo la contestata riconferma di Ahmadinejad. Sorpresi nel cuore della notte, nei dormitori di Amirabad Street, gli studenti hanno subito percosse, minacce di ogni sorta, fino alle molestie sessuali.
Oltre 130 giovani arrestati e cinque risultano deceduti al termine del blitz avvenuto alcuni giorni dopo la proclamazione del presidente. Secondo le fonti del giornale britannico, le autorità di sicurezza hanno poi tentato di insabbiare la verità, fornendo abiti puliti agli studenti arrestati e impedendo alle famiglie delle vittime di comunicare con la stampa, ma le testimonianze dei giovani coinvolti negli scontri non sono mancate.
«La polizia ha rotto le finestre e ha gettato nei dormitori gas lacrimogeni, picchiando ripetutamente chi capitasse sotto tiro con manganelli elettrici», ha dichiarato uno studente, testimone oculare dell’attacco. «Non avrei mai pensato potessero penetrare nei dormitori», racconta un altro, «è un atto che va contro la stessa legge iraniana». E un altro ancora è stato filmato dai Basiji che lo costringevano a urlare: «Sono un asino».
Share

On luglio 31st, 2009, posted in: News università by
No Responses to “Teheran, attacco al campus. La milizia spranga gli studenti”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus