registration





A password will be e-mailed to you.

Riforma: Modica, un tetto agli esami

Tetto agli esami, 50 per cento di docenti di ruolo per ogni corso, 50 per cento dei crediti stabilito dal Ministero. Arriva la riforma Mussi del 3+2. La annuncia, intervenendo al convegno di Camerino sui nuovi percorsi univerisitari, il sottosegretario all’Università, Luciano Modica.

«I decreti hanno raccolto alcuni elementi già anticipati nel pacchetto serietà di luglio», ha detto Modica, già presidente della Conferenza dei Rettori e attualmente senatore Ds.
«Correggeremo alcuni difetti, come la proliferazione dei corsi (spesso esagerata)», ha detto, «per fare un corso di laurea sarà obbligatorio avere per almeno la metà degli insegnamenti tenuti da docenti di ruolo».

Sulla frammentazione dell’offerta, ha spiegato «bloccheremo la corsa ai crediti che c’è stata e che ha chiesto agli studenti un carico eccessivo, come corsi con 50 esami in tre anni».
I decreti infatti  «stabiliranno un tetto al numero di esami».

In base alla riforma Mussi, inoltre, lo Stato definirà centralmente circa la metà del contenuto di ogni curriculum e sarà lasciata agli atenei la determinazione dell’altra metà dei crediti.

«Le università», secondo Modica, «dovranno competere per fornire agli studenti percorsi formativi personalizzati e quindi adeguati alle esigenze del lavoro».

Modica ha difeso la filosofia del 3+2, contestando l’idea dell’inutilità delle lauree triennali: «Al Politecnico di Milano», ha osservato, «piu’ del 30 per cento dei laureati triennali sceglie di inserirsi nel mondo del lavoro».

Secondo Modica anche i docenti devono cambiare mentalità perch

Share

On febbraio 1st, 2007, posted in: News università by
No Responses to “Riforma: Modica, un tetto agli esami”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus