registration





A password will be e-mailed to you.

Polimi inaugura e protesta

Bravi, bravissimi. Eppure la virtù  di docenti e alunni del Politecnico di Milano non bastano a convincere i ministri Tommaso Padoa Schioppa e Luigi Nicolais a destinare loro maggiori fondi.   
Non arriveranno euro in più al Politecnico di Milano. Anzi al Poli <mancano all’appello oltre 40milioni di euro all’anno, nonostante l’incremento di circa 35 milioni concessoci tra il 2003 e il 2005>, parola del rettore Giulio Ballio che ieri lunedì 12 ha inaugurato il 145esimo anno accademico.
Sottolinea poi il magnifico: <Il primo posto assoluto del sottofinanziamento spetta alle Università statali della Lombardia. Oggi mancano all’appello quasi 100 milioni euro all’anno e il primato spetta al nostro ateneo>.  Chissà quando e se arriveranno. Neppure il ministro dell’Economia e delle Finanze ha dato una risposta.
Padoa Schioppa ha però specificato: <Puntiamo il dito sul problema delle risorse. La chiave per affrontate il problema: in un momento di carenza di risorse bisogna spendere meglio con attenzione alla qualità. Il rettore Ballio ha dato un’indicazione preziosa: la cura di avere valutazioni indipendenti ma soprattutto sotto e sovra finanziamenti>.
Insomma il PoliMi e i suoi studenti “geni”, giovani dalle belle speranze soprattutto all’estero, non solo vantano il primato di eccellenza accademica ma sono stati eccezionali anche nel creare partenership per poter sopravvivere. Sinergie con il mondo del lavoro. E se da un lato di denaro dalle casse dello Stato non ne arriverà è stato il ministro Nicolais a specificare l’importante ruolo del PoliMi che è <educatore e trasferitore di conoscenze; il che non succede ancora negli atenei di tutta Italia>. Eppure a Milano arriveranno l’agenzia dell’innovazione tecnologica per la valutazione della ricerca (non sarà compito del ministero) e 4000 punti per le connessioni  wi-fi.

Share

On novembre 13th, 2007, posted in: News università by
No Responses to “Polimi inaugura e protesta”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus