registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Occhio alla seconda rata!

Dopo aver raccontato la protesta, con tanto di foto – petizione, attuata dagli studenti di Lecce in virtù dell’inatteso aumento della tasse universitarie (di cui potete leggere qui e qui il resoconto), da un altro ateneo inizia a propagarsi un fiume di lamentele.
Si tratta dell’università degli studi di Catania, i cui studenti, attraverso Facebook ed il portale Liveunict.com che racchiude forum e notizie utili alla sopravvivenza della vita accademica, stanno rispondendo presente ad un sondaggio lanciato dagli stessi amministratori del sito per capire se è quanto davvero il peso delle rate (in particolare la seconda, in scadenza a fine marzo) sia aumentato. Ebbene in poche ore ci si può già fare un’idea di quanto effettivamente l’insoddisfazione degli studenti sia crescente.
“Sono online i tanto discussi prospetti delle tasse per il pagamento della seconda rata delle tasse universitarie riferite all’anno accademico 2010 – 2011. Quest’anno le vostre rate: sono aumentate e di molto; sono aumentate ma non eccessivamente; sono rimaste invariate; sono diminuite?” Così la domanda, così le risposte, con percentuali schiaccianti a favore dell’opzione numero uno, ovvero aumento sostanzioso.
Sono aumentate e di molto” dice Loredana Pistritto, “aumentate del doppio rispetto a dodici mesi prima” racconta Sandra Cipriano o addirittura più del doppio, come scrive Francesca Giannetto. “Aumentate e nemmeno rateizzate, in pratica un aumento ingiustificato, in quanto non credo ci siano stati maggiori servizi per gli studenti, anzi!” sostiene Veronica Vinciguerra.
Serena Amara, chissà se proprio di nome o di fatto, vista la sua storia, racconta che “le tasse quest’anno sono aumentate per la mia fascia di circa 400 euro. Considerato che l’anno scorso rientravo nella seconda fascia di merito mi sono aumentate del doppio, circa di 800 euro.. questo per quanto riguarda la somma totale delle tasse”.
Gli aumenti comunque sono diversificati, a seconda dei parametri contemplati dalle fasce di reddito in cui ciascun studente viene inserito: c’è chi lamenta aumenti pari a 100 euro, chi invece sull’ordine dei 300. E poi ancora, senza lamentarsi particolarmente, c’è chi ha avuto la fortuna di vedere le tasse “aumentate ma non eccessivamente, cioè 48 euro in più rispetto all’anno scorso, perch

Share

On marzo 2nd, 2011, posted in: News università by
No Responses to “Occhio alla seconda rata!”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus