registration





A password will be e-mailed to you.

Neolaureati a lavoro

I laureati del nuovo ordinamento trovano lavoro, ma sono insoddisfatti della loro retribuzione in rapporto agli sforzi compiuti per ottenere il titolo. Lo rivela l’indagine occupazionale del progetto Stella, svolta sui laureti triennali 2003-2004, a cui hanno partecipato l’Università degli studi dell’Insumbria, Bergamo, Brescia, Milano, Milano-Bicocca, Pavia, Pisa e Pisa-Scuola superiore Sant’Anna. La ricerca ha approfondito in particolare il rapporto tra giovani laureati e mondo della formazione e lavoro: a 12-18 mesi dal conseguimento del titolo il 64,2% dei laureati lavora o affianca il lavoro all’attività di studio, il 24,6% si sta inserendo e il 9,1% è ancora alla ricerca di lavoro. Il 60,7% dei laureati giudica coerente il rapporto tra impiego e proprio percorso di studi, contro il 40% del vecchio ordinamento. Le risposte dei nuovi laureati sono prevalentemente positive, ma solo meno del 10% considera la propria retribuzione adeguata ai propri sforzi per laurearsi. Idem per il vecchio ordinamento. Un’analisi occupazionale più settoriale attribuisce i migliori risultati al settore sanitario con un 97% di occupati. Una percentuale dovuta probabilmente alla vicinanza tra formazione e realtà lavorativa, che ha permesso di indirizzare i nuovi corsi triennali sulla base delle specifiche necessità del mondo del lavoro.

Share

On dicembre 6th, 2005, posted in: News università by
No Responses to “Neolaureati a lavoro”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus