registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Laureati, ecco la vostra foto

Il profilo dei laureati 2008, realizzato da AlmaLaurea (XI indagine), è stato presentato martedì 26 maggio, in anteprima, al ministro all’istruzione Mariastella Gelmini. Ogg, mercoledì 27 maggio, la documentazione completa è stata presentata dal professor Andrea Cammelli, direttore di AlmaLaurea, al convegno «Valutazione dei percorsi formativi nell’università», tenutosi all’Università di Padova.
Analizziamo ora una breve sintesi dell’annuale rapporto sui laureati AlmaLaurea 2008, che quest’anno hanno toccato quota 190 mila, provenienti da 49 università. In primis Cammelli, sottolinea che: «il bilancio complessivo di questo rapporto conferma che non esiste “il profilo del laureato” o “il profilo della facoltà x e della facoltà y”, ma esistono più “profili” declinati in base ad una pluralità di aspetti che vanno dalla famiglia di origine dello studente, all’area geografica di provenienza, dagli studi secondari compiuti alla facoltà di iscrizione, all’ampiezza dell’offerta formativa proposta, alla disponibilità delle necessarie attrezzature, al dinamismo del mercato del lavoro locale». In particolare va considerato che l’analisi intende accertare le caratteristiche degli studenti formatosi nel sistema universitario italiano nell’anno 2008, confrontandole con quelle dei laureati pre-riforma (2001).

DOTTORI IN AUMENTO
Il numero dei laureati è aumentato di oltre il 70 %, facendo raggiungere la laurea ad oltre 293mila giovani nel 2008. Un boom, rispetto ai 172 mila circa del 2001. Si tratta di un incremento molto diversificato: + 1,4% nel gruppo giuridico, + 21,8% nel gruppo chimico farmaceutico, + 67% nel gruppo scientifico. I valori massimi sono stati raggiunti nei gruppi dell’insegnamento, politico-sociale, psicologico, che hanno visto moltiplicarsi la loro consistenza di oltre 2 volte e mezzo.

LAUREA SOTTO CASA E STRANIERI IN ITALIA
Rispetto al 2001 si è accentuata la tendenza allo «studio sotto casa». Nel 2008 oltre il 51,3 % dei laureati ha conseguito il titolo in una sede universitaria operante nella propria provincia di residenza, contro il 46,4 % del 2001. Il dato è ancor più marcato se si analizzano i laureati di primo livello. Controtendenza. La presenza negli atenei italiani di laureati provenienti da altri paesi (quasi 6mila a livello nazionale) è più che raddoppiata. In particolare si accentuano determinati flussi di ingresso (oltre un terzo viene da Albania, Grecia, Germania e Romania) verso specifici percorsi di studio (soprattutto lauree specialistiche a ciclo unico). Ma è ancora presto per cantar vittoria: l’università italiana ha ancora poco appeal rispetto alle sue colleghe europee.

STUDIO QUINDI LAVORO
Le esperienze di lavoro durante gli studi sono in aumento. Nel 2008 poco più di 10 laureati su cento hanno lavorato stabilmente durante gli studi, soprattutto nell’area dell’insegnamento (23 %) e in quella politico-sociale (19 %). Tirocini formativi e stage riconosciuti dal corso di studi sono cresciuti d’importanza: nel 2008 sono stati praticati da 53 laureati su cento.

IDENTIKIT: 2001 O 2008?
Dal confronto tra l’identikit dei laureati nel 2008 e nel 2001, emerge una figura che ha investito meno tempo nella predisposizione della prova finale (in media da 8,9 a 5,9 mesi). Inoltre i laureati 2008 possono vantare nel proprio bagaglio formativo conoscenze linguistiche e informatiche superiori a quelle possedute dai propri fratelli maggiori. Balza all’attenzione un dato, che lascia una questione aperta: l’alta percentuale di laureati specialistici (43 %) che, completato l’intero ciclo formativo del 3+2, intendono proseguire gli studi.
Desiderio di ulteriore formazione o difficoltà a trovare una collocazione sul mercato del lavoro?
Info su: www.almalaurea.it.

Share

On maggio 27th, 2009, posted in: News università by
No Responses to “Laureati, ecco la vostra foto”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus