registration





A password will be e-mailed to you.

Il termometro dei dott lombardi

Le aziende lombarde cercano sempre più laureati, ma a una domanda così elevata spesso non corrisponde un’offerta adeguata. Milano si conferma capitale universitaria, Bergamo la meta più ambita dai fuori sede e Pavia «Eldorado» per gli studenti stranieri. E tra i corsi di laurea, i preferiti sono Economia e Ingegneria. Questo è quanto emerge dallo studio realizzato dalla Camera di Commercio di Milano sullo status degli universitari lombardi.
Nel 2005, mentre la domanda da parte delle aziende ammontava a 43 mila laureati, l’offerta proposta dagli atenei si limitava a circa 32 mila dottori, con un gap regionale di oltre 11 mila posti di lavoro in attesa di copertura. E tra i laureati, prevalgono quelli del vecchio ordinamento (58 per cento del totale), con larga maggioranza di dottori in Economia e Ingegneria.
Per quanto riguarda i dati provinciali, Milano si conferma al primo posto per numero di «dott» (78 per cento del totale lombardo). Al secondo posto Pavia (9 per cento), capitale lombarda degli studenti stranieri.
Dati importanti all’Università di Bergamo, che incrementa laureati (più 19 per cento) e triennalisti (più 49,2 per cento) e assieme alla LIUC di Castellanza attira sempre più studenti fuorisede.

«Risorse umane competenti e qualificate – ha dichiarato Renato Borghi, presidente Formaper, azienda della Camera di commercio di Milano – sono fattori decisivi di competitività per un’economia moderna. Per garantire la formazione dei giovani sulla base delle esigenze occupazionali reali del mercato del lavoro bisogna migliorare il rapporto fra università e mondo delle imprese, istituzioni e associazioni, puntando a una valorizzazione delle nostre risorse attraverso la crescita di competenze sempre più mirate alle esigenze del territorio».

Share

On marzo 13th, 2007, posted in: News università by
No Responses to “Il termometro dei dott lombardi”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus