registration





A password will be e-mailed to you.

Il Polito vola a idrogeno

Tutti pronti per il decollo? Questa volta non è il solito aereo a spianare il cielo, ma un aeroplano a idrogeno totalmente ideato e realizzato dagli studenti del Politecnico di Torino.

È partito, e durerà tre anni, il progetto «Enfica Fc», Environmentally friendly inter city aircraft powered by fuel cells, coordinato dal Politecnico di Torino con la collaborazione di altri prestigiosi enti provenienti da tutta Europa (Gran Bretagna, Repubblica Ceca, Grecia e altri ancora) certificati e selezionati dal comitato di programmazione aeronautica e spaziale della Comunità europea.

L’esperimento è molto ambizioso: applicare un’alimentazione basata su celle a combustibile a idrogeno su un piccolo velivolo e ipotizzarne la realizzazione futura su aerei di linea.

Il piano di lavoro è diviso in due fasi: nella prima, il sistema si propulsione di un arereoplano biposto, acquistato appositamente, sarà sostituito dalle celle a combustibile idrogeno. Su di esso verranno poi svolti test in volo per analizzarne i vantaggi tecnici e i miglioramenti di rendimento ottenuti dalla nuova generazione di potenza elettrica. Infine si potrà assistere ai risultati durante una manifestazione dimostrativa.

Contemporaneamente si studierà come utilizzare in futuro tale sistema per alimentare, almeno in parte, aerei di portate maggiori, come ad esempio gli intercity di 30-40 passeggeri.

E i vantaggi? Tanti: un abbassamento dell’inquinamento atmosferico grazie alla diminuzione dell’utilizzo di benzina o kerosene e una notevole diminuzione del rumore causato dall’atterraggio e dal decollo, un’ottima soluzione soprattutto ora che i piani di regolazione dell’inquinamento acustico diventano sempre più rigidi.

Un volo salutare insomma, tranne per gli aereo-fobici di sempre naturalmente. Per quel tipo di ansia purtroppo, non è stato ancora inventato nulla.

Share

On dicembre 6th, 2006, posted in: News università by
No Responses to “Il Polito vola a idrogeno”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus