registration





A password will be e-mailed to you.

Co-sapere: le strade internazionali della conoscenza

Si possono superare le coordinate spazio-temporali del sapere, della conoscenza, della cultura?

Degli ambiziosi studenti romani ci hanno provato, e dopo tre anni di duro lavoro sono riusciti ad andare oltre i propri confini, grazie ad un progetto di cooperazione internazionale  e interuniversitaria tra lUniversità La Sapienza di Roma e l’UN.A.T.E.K., l’Universitè d’agricolture, de tecnologie et d’education de Kibungo in Rwanda.

«Twese Hamwe» (in Kinyarwanda «Tutti insieme»), è il nome del progetto ideato dai ragazzi della Facoltà di Scienze della Comunicazione della Sapienza, Irene Boreggi, Maria Bracciale, Maria Chiara De Angelis, Marco Meloni e Cinzia Petruccetti, coordinati dalle dott.sse Patrizia Cinti e Sofia Nasi, nato con lo scopo di realizzare dei corsi di formazione all’insegnamento per studenti e docenti dell’UN.A.T.E.K, una piccola e giovane università situata a sud-est del Rwanda.

Ispirandosi alla celebre frase di Lao Tzu, secondo cui «Se dai un pesce a un uomo, si nutrirà per un giorno, se gli insegni a pescare si nutrirà per sempre», l’obiettivo non è trasmettere un modello didattico predefinito, ma dar loro gli strumenti adatti per poterlo creare da soli e per poter cooperare insieme.

I corsi, realizzati in inglese e attraverso una piattaforma web, secondo l’approccio metodologico dell’apprendimento collaborativo on line, hanno offerto ai quindici studenti rwandesi partecipanti e ai sette tutor italiani, importanti occasioni di scambio e di confronto.

Domani, mercoledì 24 maggio, alle 17 nell’Aula Wolf della Facoltà di Scienze della Comunicazione in via Salaria 113, durante il convegno «Twese Hamwe. Co-sapere, la strada verso la cooperazione internazionale sulla conoscenza» si potranno vedere i frutti di questo lavoro: sarà ri-firmato infatti l’accordo Quadro tra la facoltà di Comunicazione della Sapienza e l’UN.A.T.E.K. del Rwanda. Prenderanno parte al dibattito Simona Colarizi, Presidente del Corso di laurea in cooperazione e sviluppo fra i popoli; Daniele Scaglione, direttore della comunicazione di ActionAid International Italia; Sofia Nasi, responsabile del progetto e Casimir Museruka, Rettore UN.A.T.E.K.- Rwanda.

Un accordo che guarda al futuro del Rwanda con la speranza di poter operare ancora insieme ma soprattutto con la fiducia che possa trovare nuove strade di rinascita grazie anche agli strumenti del sapere e della conoscenza.

Share

On maggio 22nd, 2007, posted in: News università by
No Responses to “Co-sapere: le strade internazionali della conoscenza”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus