registration





A password will be e-mailed to you.

Cina e Italia a confronto

La Cina sempre più «vicina». Nel dicembre 2001, l’ingresso della Cina nell’Organizzazione Mondiale del Commercio, ha sancito l’inizio dell’integrazione di una delle maggiori economie mondiali nel sistema giuridico. Il diritto cinese si è così dovuto adeguare ad uno standard minimo di tutela della proprietà intellettuale: diritto d’autore, marchi, brevetti, disegni industriali ecc. 

Per chi ne vuole sapere di più sui sistemi di commercio di questo paese sempre più vicino al nostro e se ne intende di tutti questi paroloni, domani la facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Modena e Reggio Emilia, promuove un seminario dal titolo: La tutela della proprietà intellettuale in Cina a cinque anni dall’ingresso nell’Organizzazione: situazione e prospettive. Relatore uno dei maggiori esperti di diritto commerciale e degli affari, il prof. Winfried Huck dell’Università di Braunschweig/Wolfenbüttel in Germania.

Alle 10:30 nell’aula IV della facoltà di Giurisprudenza, in via Università 4, il prof. Huck, cercherà di fare il punto sull’effettivo allineamento cinese, a cinque anni dal suo ingresso nel WTO, agli standard minimi richiesti, soprattutto in materia di tutela della proprietà intellettuale per poter far parte della massima organizzazione del commercio internazionale.

L’iniziativa, aperta ai professionisti, agli esperti e a tutti gli interessati, organizzata con il sostegno della facoltà di Giurisprudenza e del Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Ateneo, s’inserisce nell’ambito dell’attività didattica del dottorato di ricerca in Scienze giuridiche e del master in Contratto e mercato.

Share

On novembre 22nd, 2006, posted in: News università by
No Responses to “Cina e Italia a confronto”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus