registration





A password will be e-mailed to you.

Catanzaro, i CC in ateneo

Non ci sono solo i test farsa nell’universita italiana, torna il mercato delle lauree.

Dopo l’intervento di Fabio Mussi alla trasmissione del La 7, Exit, in cui il ministro auspicava interventi della magistratura, la macchina giudiziaria ha singolarmente ripreso a macinare.

Stamane a Catanzaro, uno degli atenei che era stato interessato dallo scandalo test, i carabinieri hanno arrestato un funzionario dell’ateneo calabrese, Francesco Marcello, di 49 anni.

L’ipotesi è che Marcello, responsabile della segreteria didattica della Facoltà di Legge, abbia arricchito il libretto di alcuni studenti con molti esami mai ottenuti, rendendo loro facile il conseguimento della laurea. Il funzionaro, cui sono stati concessi gli arresti domiciliari, è accusato di corruzione e falso ideologico e materiale.
All’arresto si è arrivati nell’ambito di un’inchiesta del sostituto procuratore della Repubblica di Catanzaro, Salvatore Curcio.
I carabinieri hanno già sequestrato tre lauree conseguite da altrettanti studenti, ora accusati di corruzione, falso ideologico e materiale in concorso.
A far saltare il gioco, un docente di Giurisprudenza che, esaminando il libretto di una laureanda, aveva notato che risultava superato un esame della sua materia, in realtà mai sostenuto.

Share

On novembre 14th, 2007, posted in: News università by
No Responses to “Catanzaro, i CC in ateneo”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus