registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Bicocca: l

Le prime battute sono datate novembre 2008. Il problema viene esposto, ci sono un paio di botta e risposta tra studenti. Ieri (25 febbraio 2009), grazie a Viviana, il post torna d’attualità. Evidentemente il malcontento e la voglia di cambiare qualcosa non sono sepolte. Ma vediamo i fatti. Gli studenti della Bicocca devono sostenere un esame d’idoneità inglese. Senza prima frequentare nessun corso, si tratta quindi di presentarsi e sostenere il test. La problematicità consiste nel fatto che l’esame è propedeutico: senza superarlo non si possono dare altri esami.

SI APRE IL CASO
Qualche studente, sulla pagina facebook della Bicocca, inizia a lamentarsi, aprendo una discussione dal titolo emblematico: «Aboliamo il test d’inglese che blocca gli esami!». Tra le prime critiche: «Il test è inutile», «Non attesta proprio un accidente», «Se lo passerò non vorrà certo dire che saprò parlare inglese», «A giurisprudenza l’inglese è inutile».

BASTA STUDIARE DI PIÙ
Naturalmente c’è anche qualche universitario che si distingue dicendo: «Si tratta di domande che sono veramente elementari. Non capite che si tratta di un’imposizione con lo scopo di stimolare voi a voler sapere di più e ad essere più competenti nel mondo del lavoro?». Giulia è molto schietta e concisa: «Questo test è una cazzata».

CAPITOLO SOLUZIONI
È sempre Giulia che scrive: «Sarebbe più corretto fare un vero e proprio corso e poi sostenere un esame (anche orale) ma togliere lo sbarramento! O per lo meno metterlo solo al terzo anno». La più agguerrita è Viviana, autore dell’ultimo post: «Il ministero dell’università dice che gli atenei devono investire nei corsi di lingue, cosa che da noi non si fa; lo statuto dei diritti dice che gli studenti hanno diritto ad esami trasparenti basati su un programma eseguito da un docente, ma alla bicocca i docenti di lingua non esistono! Allora ragazzi i nostri test chi li corregge? Mercoledi andrò a parlare con uno dei referenti ed ho intenzione di arrivare al rettore se fosse necessario. Secondo me se ci uniamo possiamo modificare la decisione del senato accademico sulla propedeuticità dell’esame che è una cosa ingiusta dal momento che l’università nn investe i nostri soldi per garantirci dei docenti».
To be continue..

Share

On febbraio 26th, 2009, posted in: News università by
No Responses to “Bicocca: l”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus