registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Universitario accoltellato in citt

Il razzismo? Purtroppo non c’è solo in Italia. La morte di uno studente indiano ventunenne, accoltellato pochi giorni fa a Melbourne mentre stava andando a lavorare in un fast food, è l’ennesimo atto di violenza contro gli studenti indiani in Australia.
Mentre il ministro degli esteri indiano raccomanda prudenza ai suoi giovani conterranei trasferiti in Australia, il primo ministro dei deputati australiani Julia Gillard, di rimando, minimizza i fatti accaduti: “Sono tragedie che accadono in tutte le metropoli del mondo”, dichiara, “a Melbourne, a Mumbai, a New York, a Londra”.
Ma la rabbia più grande è proprio quella degli studenti che protestano da giorni davanti all’ambasciata australiana a Nuova Delhi. “Australian Gov Shame-Shame” recitano gli striscioni dei manifestanti.
Molti indiani pensano addirittura che l’India dovrebbe tagliare qualsiasi rapporto, persino commerciale, con la grande isola dell’Oceania.
Ma i ragazzi indiani non si arrendono, non scappano dall’Australia, cercano di esorcizzare la paura coalizzandosi e manifestano anche a Melbourne.
Infatti l’Australia, nonostante gli scontri razziali proseguono da parecchi anni, rimane la prima meta per gli studenti internazionali, in particolare indiani. Il numero di studenti indiani in Australia è cresciuto esponenzialmente proprio negli ultimi anni: oggi sono quasi centomila gli studenti indiani in Australia, ben il 17,8 per cento degli iscritti internazionali.
Share

On gennaio 12th, 2010, posted in: Estero by
No Responses to “Universitario accoltellato in citt”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus