registration





A password will be e-mailed to you.

Niente tasse (siamo inglesi)

Il 60 per cento dei sudditi di Sua maestà tra i 15 e i 18 anni dichiara di volersi iscrivere all’università. Un terzo di loro, però, dichiara di non «poterselo permettere». A quanto pare, nemmeno nell’isola dei prestiti d’onore a gogò, il governo sta facendo abbastanza per garantire il «diritto allo studio». Un adolescente su tre, infatti, dice che, per pagarsi l’università, dovrebbe farsi aiutare da mamma e papà. La soluzione? Università gratis per tutti. A proporlo (forse un po’ provocatoriamente) è l’agguerrito Uk youth parliament (Ukyp), organismo (formato da circa 4cento «baby deputati» regolarmente eletti) incaricato di rappresentare le istanze dei più giovani di fronte al parlamento (quello vero). Stando all’Ukyp, infatti, senza una riduzione (o meglio a un’abolizione) dei «tuition fees», il governo non riuscirà a raggiungere l’obiettivo che Tony Blair si pose, quando entrò in carica nel 1997: metà dei giovani britannici all’università entro il 2010. «L’accesso all’istruzione superiore dovrebbe essere un diritto, non un privilegio», afferma James Greenhalgh dell’Ukyp, «così si sprecano milioni di giovani che non vanno all’università soltanto perchè non se la possono permettere».

Share

On marzo 27th, 2008, posted in: Estero by
No Responses to “Niente tasse (siamo inglesi)”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus