registration





Verrà spedita una password via e-mail.

La rinascita delle lauree dimenticate

Mentre in Italia si innalza il livello di scetticismo sull’utilità del titolo di studio, negli atenei spagnoli è il numero di immatricolazioni a salire vertiginosamente.
Lo scorso 27 luglio El Paìs titolava “Otra vez a competir por la carrera que quieres” un pezzo sullo straordinario aumento delle immatricolazioni negli atenei del Paese.
Un maggior numero di giovani si impegna a proseguire la formazione sia professionale che accademica e molti cercano un corso di studio che aiuti a trovare lavoro in questo difficile periodo economico. Per ora (e siamo ancora ad inizio agosto) si parla di un 12% di iscritti in più rispetto allo scorso anno negli atenei spegnoli. Alla Complutense di Madrid si sono già immatricolati 6mila studenti in più e per ogni posto alla facoltà di Medicina e chirurgia ci sono otto aspiranti iscritti al test. L’università di Valencia ha già coperto più del 99% di posti, con un incremento del 21,25% rispetto al 2009. In Andalusia ci sono 8.391 immatricolazioni in più.
Insomma, si può proprio affermare che la crisi riempie le aule. E sembra incredibile. Il grande problema affrontato dagli atenei spagnoli negli ultimi anni, infatti, era quello della carenza di alunni. Ora si stanno addirittura riempiendo corsi di laurea “dimenticati” come Geografia o Lingue moderne.
Francisco Michavila, professore di Politica universitaria alla Complutense, sostiene che la crisi è stata certo un fattore di attrazione, ma non il solo: “Grazie al Processo di Bologna”, commenta, “abbiamo diversificato molto l’offerta, che è diventata molto più moderna e attrattiva. L’aumento della domanda presuppone che, in tempo di crisi, l’università si rivalorizzi. Quindi tutti gli atenei sono tenuti ad applicare le nuove linee guida europee per modernizzare il nostro assetto accademico”.
Ma quali sono le cause reali del boom? Perch

Share

On agosto 2nd, 2010, posted in: Estero by
No Responses to “La rinascita delle lauree dimenticate”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus