registration





Verrà spedita una password via e-mail.

California: Schwarzy taglia, atenei ko

Ferie obbligate e non retribuite contro la crisi e i tagli di budget.
Accade a Berkeley, California, lo storico ateneo del ’68 americano che una recente classifica U.S. News giudica la prima università pubblica degli States (18ma in assoluto).
I tagli al budget dello Stato della California, governato dall’ex attore Arnold Schwarzenegger, hanno provocato un buco di circa 814 milioni di dollari nel bilancio di ateneo e indotto i vertici a correre ai ripari: oltre ad aumentare le tasse, a Berkeley hanno messo a punto un piano straordinario di ferie, obbligatori e non pagate, che determinerà qualcosa come 184.1 milioni di risparmi.
In termini salariali, le riduzioni andranno dal 4 al 10 per cento: “Quelli che guadagnano di più”, spiega l’apposito minisito internet allestito dall’ateneo, “saranno obbligati a più giorni di congedo e quindi a riduzioni di stipendio più alte”. Si andrà dal 4 per cento di quanti guadagnano fino a 40mila dollari, al 10 delle retribuzioni over 240mila.
I vertici di Berkeley assicurano che anche lo staff della presidenza, il senato d’ateneo e tutti gli organi dirigenziali saranno sottoposti alla medesima “cura”.
Il piano, annunciato da una lettera a tutti i dipendenti del presidente Yudolf, diventa operativo il prossimo 1 settembre.
Per favorire le ferie obbligatorie, l’amministrazione ha varato due chiusure straordinarie di sette campus, a Natale e a primavera. Schwarzenegger ha presentato il 29 luglio scorso un programma di tagli per ripianare il bilancio della California, che presenta un rosso di 156 milioni di dollari, e per creare un fondo di riserva per circa mezzo miliardo.
A farne le spese, oltre Berkeley, tutti gli atenei dello Stato: a Ucla mancheranno circa 117 milioni, a San Diego, oltre ad aumentare le tasse, hanno tagliato o congelata circa 800 posti a termine nell’amministrazione, e 100 posizioni nelle facoltà mentre il rapporto docenti-studenti da 20 a 1 a 40 a 1; a San Francisco, nell’ambito di un ampio programma di tagli (620 persone nell’amministrazione centrale), previste varie riduzioni di attività fra cui la chiusura di un consultorio familiare nella facoltà di Medicina, che aveva oltre 1700 pazienti. A Santa Barbara, di fronte a 45 milioni di tagli, è stata bloccata la ricerca di dirigenti per le due posizioni di vice-chancellor vacanti sulle cinque esistenti.

Share

On agosto 27th, 2009, posted in: Estero by
No Responses to “California: Schwarzy taglia, atenei ko”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus