registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Lo studio dei materiali batte la concorrenza

Il Premio startup 2010 è andato a Trieste. Tra le dieci finaliste ha infatti vinto Genefinity srl, azienda spin off dell’Università degli Studi di Trieste che opera nel settore dei film sottili per applicazioni in settori tecnologicamente all’avanguardia come quello dei biosensori, dei sistemi RFID e dei sistemi fotovoltaici.
Tra le applicazioni concrete dell’azienda che da qui al 2012 prevede di incrementare il fatturato fino a superare la soglia degli 800mila euro e che attualmente lavora principalmente con l’estero (Stati Uniti, la Germania Regno Unito, Taiwan, Giappone), ci sono tastiere flessibili, monitor flessibili, e-paper ma anche strisce monouso per l’analisi della glicemia e analisi del DNA che permettono di rilevare predisposizioni a malattie genetiche con particolare riferimento alle patologie cardiache. Molteplici anche le applicazioni in ambito fotovoltaico (tenda da campeggio fotovoltaica ma anche abbigliamento).
“Siamo bravi tecnici e fino ad oggi abbiamo puntato sul prodotto. Grazie a questo premio potremmo iniziare a dedicarci anche alla parte commerciale”, ha affermato Francesca Antoniolli, trentunenne ingegnere dei materiali laureata all’Università di Trieste e ideatrice dell’azienda insieme a cinque colleghi, “e lo faremo partendo dalla Silicon Valley”.
I vincitori del premio per la migliore azienda innovativa nata nell’ambito della ricerca pubblica, infatti, oltre ad un premio simbolico di 5mila euro, voleranno in Silicon Valley dove staranno per sei mesi di mentoring, coaching e networking gratuito presso il Mind the Bridge GYM con la possibilità di accedere ad un vasto network di partner finanziari e industriali, presso l’incubatore Plug&Play Center di Redwood City in California.
Main sponsor dell’evento era Microsoft che, in contemporanea a Start Up dell’anno, ha consegnato il premio Imagine Cup a giovani studenti dell’Università di Napoli che con il progetto LIFT 4U hanno ideato il modo per rendere efficace il sistema di car sharing grazie a software Microsoft per pc e telefoni cellulari. Per loro 25mila dollari e la possibilità di partecipare alla finale mondiale che si terrà a Varsavia del premio Imagine Cup dal 3 all’8 luglio prossimo.
Share

On maggio 24th, 2010, posted in: Borse & Concorsi by
No Responses to “Lo studio dei materiali batte la concorrenza”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus