registration





Verrà spedita una password via e-mail.

In premio, tesi contro la pena di morte

Due premi di laurea, del valore ciascuno di 3.500 euro. Li ha istituiti Acat Italia, associazione che dal 1983 opera contro la tortura e i trattamenti crudeli, inumani o degradanti, compresa la pena di morte.
Uno dei due premi, sarà dedicato a studenti che abbiano discusso una tesi su argomenti quali l’abolizione della pena di morte, sviluppando l’argomento nelle suoi vari aspetti. varie motivazioni, strategie, azioni, impegno, impatto. Il secondo sarà relativo a studenti che abbiano sostenuti nei loro lavori di ricerca, temi riguardanti la tortura e i trattamenti crudeli, inumani o degradanti contro le persone nel mondo contemporaneo, analizzando cause, implicazioni, strategie e strumenti per la loro prevenzione e abolizione e per la riabilitazione delle vittime.
Intento dell’iniziativa è quello di incoraggiare i giovani ad approfondire le problematiche emergenti dal fenomeno dalla tortura nelle sue varie manifestazioni e dalla applicazione della pena capitale, a prendere coscienza della loro gravità e dell’importanza di impegnarsi per eliminare la tortura e la pena di morte dal mondo.
Potranno concorrere laureati triennali, magistrali o specialistici, per tesi discusse negli anni accademici 2009-10 e 2010-11,  di tutte le università presenti sul territorio nazionale. Deadline per le candidature fissata al 30 aprile prossimo. Info su http://www.acatitalia.it/

Share

On aprile 8th, 2011, posted in: Borse & Concorsi by
No Responses to “In premio, tesi contro la pena di morte”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus