registration





A password will be e-mailed to you.

Donne flessibili, solo se senza beb

Vita dura per le donne che vogliono fare carriera. Ancora più dura se per caso cedono al desiderio di avere un figlio e di mettere su famiglia. Lo dimostrano i dati emersi dal convegno Il valore delle donne nel mercato del lavoro, organizzato da Actl -Associazione cultura e tempo libero, Unioncasa, Accentirosa e Gender con il patrocinio della Camera di Commercio, che si è svolto il 25 ottobre a Milano.

Conciliare famiglia e lavoro è ancora un’impresa impossibile: secondo un’indagine Isfol PLUS del 2005, il 13,5 per cento delle lavoratrici abbandona il lavoro per l’attesa di un figlio.

In particolare, le principali ragioni delle difficoltà a conciliare lavoro e impegni familiari sono: l’orario lungo (47 per cento); orario scomodo (30 per cento); carenze di servizi per l’infanzia (16,1 per cento); distanza dal luogo di lavoro (12,1 per cento); orari scolastici ridotti (7,3 per cento); turni irregolari (5, 8 per cento).

Un nuova, seppur rara opportunità è offerta dalle imprese «family friendly», basate su un modello di azienda attenta ai bisogni delle donne e della famiglia, attraverso azioni di supporto per la conciliazione tra impegni professionali e tempi familiari. È un’opportunità anche per le stesse imprese: l’immagine di«azienda socialmente responsabile» rende la struttura maggiormente competitiva nel suo settore. Nonostante questo tali modelli di imprese sono ancora poco diffusi tra le aziende.

Il convegno è stato realizzato nell’ambito del progetto Donne in rete, nato nel 2005 su iniziativa delle stesse associazioni, insieme alla Regione Lombardia, al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e al Fondo Sociale Europeo, con l’obiettivo di favorire la comunicazione e la collaborazione tra strutture pubbliche e private e aiutare la circolazione di informazioni su opportunità ed interventi che possano supportare le donne ad inserirsi o reinserirsi nel mercato del lavoro e a conciliare vita professionale e familiare. A questo scopo è stato realizzato il portale www.perledonne.it attraverso il quale vengono offerti alle donne servizi gratuiti inerenti la formazione e il lavoro e informazioni su soggetti che si occupano di supporto alla persona e alla famiglia. Nello stesso tempo, il portale ha offerto alle aziende e agli enti la possibilità di presentare le proprie iniziative rivolte alle donne e accedere a servizi gratuiti di consulenza organizzativa e coaching.

Share

On ottobre 31st, 2006, posted in: Volontariato by
No Responses to “Donne flessibili, solo se senza beb”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus