registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Un Mondiale di libri

E’ finito il conto alla rovescia. Dopo quattro anni di attesa torna finalmente l’adrenalina targata Mundial. Ancora ci corre un brivido lungo la schiena pensando al viso concentrato di Fabio Grosso che si appresta a tirare l’ultimo rigore, quello che fece esplodere l’Italia, dal Trentino alla Sicilia, in un unico urlo collettivo, liberatorio. E felice. Ora, Sudafrica. Per ingannare l’attesa tra una partita e l’altra, ecco una carrellata di libri. Tutti con un unico denominatore comune, il pallone. Partiamo da un libro che, seppur uscito da qualche mese, non può mancare: Ogni maledetta domenica (minimum fax, 15 euro), curato dal trentatreenne Alessandro Leogrande. Un insieme di otto piccoli capolavori, qualcuno più qualcuno meno, otto racconti di giovani autori italiani che fotografano le diverse facce del calcio: dalla domenica di chi “tira” il coro degli ultras della Cremonese allo stadio Zini al filosofo e poeta Carlo Carabba che dedica il suo pezzo a Roberto Baggio, uno degli ultimi grandi numeri 10 che l’Italia abbia visto giocare; dal Balotelli di Francesco Pacifico all’amarezza della vicenda di Gabriele Sandri, il tifoso laziale ucciso da un proiettile sparato da un agente di polizia fino all’approvazione quasi incondizionata che i milanisti di sinistra provano per Berlusconi. Solo quando parla di calcio, però. Insomma, otto racconti che ci fanno riflettere in quel calcio che i sociologi, un po’ pomposamente, chiamano “specchio della società”. Senza dimenticare che minimum fax ha pubblicato tre anni fa un romanzo, E’ finito il nostro Carnevale, di Fabio Stassi, che descrive una rincorsa alla caccia della Coppa Rimet (come un tempo si chiamava la Coppa del mondo): una cavalcata che il protagonista compie negli eventi storici e attraverso i campionati, da Uruguay 1930 in poi, con un unico obiettivo, rubare la Diosa de la victoria. Passsando attraverso rivoluzioni, guerre, calci di rigore e pallonetti. Per rimanere sempre nell’ambito del rapporto letteratura-calcio, da segnalare Ho parato un rigore a Pel

Share

On giugno 10th, 2010, posted in: Sport by
No Responses to “Un Mondiale di libri”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus