registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Tra mountain bike ad arrampicata

Lontanissimi dal frastuono mediatico tipico di un mondiale di calcio, da quello assordante dei bolidi di Formula Uno, ma vicini ad un’idea di sport che regala scariche di adrenalina e sfide continue. Con la natura ma soprattutto con se stessi.
Loro sono i ragazzi del Verticalifeteam, associazione sportiva nata un anno fa grazie alla passione viscerale di sette giovani torinesi per gli sport cosiddetti non convenzionali, come kayak, alpinismo, mountain bike o arrampicata, teleferica o orienteering. Attività protagoniste di un format che l’11 e il 12 settembre prossimi, daranno vita al Vertical City Race, uno degli eventi di punta di Torino Street Style, la manifestazione sportiva più spettacolare del programma previsto per Your Time – Torino 2010 European Youth Capital.
“La nostra è un’amicizia che parte da lontano, corroborata da viaggi in giro per il mondo che ci hanno fatto capire quanto lo sport e la natura siano il massimo per chi vuole vivere sfide ad alto tasso adrenalinico” racconta Enrico Chico Marco, 28 anni presidente del Verticalifeteam e a breve dottore in Progetto grafico e virtuale presso il Politecnico di Torino.
“Qualche anno fa abbiamo preso un furgone e siamo andati fino a Capo Nord, poi abbiamo deciso di coinvolgere quante più persone possibili in feste, eventi o mostre fotografiche che raccontassero i nostri viaggi e le evoluzioni che facciamo con le corde, le tavole da surf o le mountain bike. E così, nel 2009 è nata la nostra associazione ed una pazza idea: portare nella nostra città, che con le sue colline e i suoi percorsi articolati si presta benissimo, tutte le attività che normalmente svolgiamo outdoor”.
Trecento atleti (in team da 3) sono attesi per animare il colle della Maddalena o la collina di Superga, in un evento che “se si svolgesse in qualsiasi paese europeo non sarebbe per nulla una novità. Ma noi desideriamo coinvolgere in Italia le nuove generazioni in sport sani, dove per arrivare all’obiettivo devi avere un enorme spirito di sacrificio” dice Riccardo Chioccia Chiura, 28 anni e uno dei consiglieri dell’associazione, svelando la mission principale di questo progetto.
“E non importa se si vince o si perde, l’importante è farsi prendere, vivere una giornata piena di entusiasmo e fuori dai soliti schemi” rivela Lidia Gardino, una delle atlete che animeranno la classifica dei team femminili e da tempo membro della crew.
Per la serie “non si vive di solo calcio” potete partecipare dopo aver cliccato su http://www.verticalcityrace.it/

{mosimage}

Una foto che ritrare il Verticalteam in viaggio


Share

On settembre 8th, 2010, posted in: Sport by
No Responses to “Tra mountain bike ad arrampicata”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus