registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Geografia addio? Gli universitari dicono no

La Riforma Gemini, tra le varie riforme che riguardano il mondo scuola/università, suggerisce un ridimensionamento dello studio della geografia. Le prime critiche sono state lanciate alcuni gioni fa dall’Associzione italiana degli insegnanti di geografia (Aiig) e dalla Società geografica italiana (Sgi Onlus). L’appello dei due organismi è stato ripreso dal Centro turistico studentesco, che ha sottoposto un instant pool ad un campione di 500 giovani in età universitaria, dai 18 ai 30 anni. La domanda, lapidaria, non lascia possibilità d’interpretazione: «Geografia da buttare?». Il 79,6% degli intervistati si è schierato seccamente dalla parte del no, considerando importante la geografia nell’insegnamento secondario per la formazione di ciascun studente, soprattutto nel facilitare la comprensione di culture differenti. La mobilitazione in rete è partita: l’appello congiunto di Aiig e Sgi (che è possibile firmare su www.aiig.it) ha toccato quota 28.500 adesioni, a testimonianza dell’importanza di una materia che non si adatta ad essere relegata a “cenerentola” della didattica.

Share

On febbraio 22nd, 2010, posted in: Lifestyle News by
No Responses to “Geografia addio? Gli universitari dicono no”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus