registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Furbetti, una storia vera

Furbetti del quartierino, furbetti delle plusvalenze, furbetti delle fiduciarie alle Cayman: leggendo Capitalismo di rapina (262 pagine, 14 euro, Chiarelettere editore), ci si immerge in una delle stagioni più livide dell’industria ma soprattutto della finanza italiane, dove più che i bilanci si sono dovuti leggere i verbali della polizia giudiziaria.

Paolo Biondani, Mario Gerevini e Vittorio Malaguti, gli autori, rappresentano il mix professionale giusto: sono analisti economici, gli ultimi due, ma anche cronisti di giudiziaria, il primo.

Con dovizia di particolari, anche inediti, ricostruiscono l’ennesimo pasticciaccio brutto della finanza italiana che ha visto intrecciarsi le vicende di Popolare Lodi, AntonVeneta, Rcs, Unipol e Bnl, Telecom, in un risiko di proporzioni colossali, e molti protagonisti associati alle italiche galere.

Un libro che mette impietosamente in piazza, con i ritmi incalzanti, le miserie dei nostri salotti buoni, le drammatiche contiguità con la politica, la tragicomicità di certi padroni delle ferriere.

Soprattutto, documenta come, in questa Italia delle baronie e dei potentati, la rendita di posizione sia sempre vincente: per molti, troppi, protagonisti di queste vicende, fortune immani sono arrivate per il solo fatto di essere al posto giusto, nel momento giusto.

 

Biondani, Gerevini, Malaguti

Capitalismo di rapina

La nuova razza predona

dell’economia italiana

Pagg. 262, euro 14

Chiarelettere editore

Share

On ottobre 29th, 2007, posted in: Lifestyle News by
No Responses to “Furbetti, una storia vera”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus