registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Facebook &Co.: occhio agli effetti collaterali

Chattare su Messenger o aggiornare il proprio profilo su Facebook sono ormai atti di ordinaria amministrazione, che gli utenti dei social network compiono senza neppure pensarci.
Ma siamo sicuri che siano privi di rischi? Il Garante della Privacy ha diffuso un vademecum al riguardo, una Guida all’uso della rete.
Il punto centrale da non dimenticare è il fatto che immagini e informazioni possano riemergere anche a distanza di anni, grazie ai motori di ricerca.
Disattivare il proprio profilo, inoltre, non equivale matematicamente a cancellarlo: i dati inseriti possono restare comunque nel server.
Quali sono, quindi, le regole da seguire per evitare spiacevoli sorprese?
Innanzitutto leggere bene le condizioni d’uso: se è inutile negare che ormai siamo abituati a barrare la casella “do il consenso al trattamento dei dati” in automatico, senza neppure guardare l’informativa, è altrettanto facile capire che si tratta di un errore. Bisognerebbe invece leggerla con attenzione e controllare sempre i “livelli” di privacy, cioè chi può avere accesso alle informazioni inserite?
Il Garante precisa anche quali dati inserire e quali, invece, evitare: attenzione, per esempio, a inserire, oltre a nome e cognome, data e luogo di nascita, perch

Share

On giugno 9th, 2009, posted in: Lifestyle News by
No Responses to “Facebook &Co.: occhio agli effetti collaterali”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus