registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Al via il Festival storia, per divertirsi (a pensare)

I libri sono oggetti? O sono strumenti? E a che serve, un libro? Certamente, a intrattenere, divertire, commuovere; ma anche per istruire, formare, educare. Sono oggetti, talora belli (si pensi ai libri futuristi), ma sono anche e soprattutto mezzi, il cui scopo può essere anche assai importante, nel bene, e anche nel male. E’ su “Il potere del libro Il potere contro i libri. I libri contro il potere” che si incentra la V edizione del Festival di Storia (www.festivalstoria.org) una rassegna annuale internazionale di public history tra Torino, Saluzzo e Savigliano ideata e diretta da Angelo d’Orsi, che ogni anno propone un tema come filo conduttore: l’edizione 2009, dal 21 al 25 ottobre affronterà il tema dei libri nella storia. Ci sono, infatti, stati libri che hanno creato grandi movimenti di idee, generato forze politiche. Libri che sono stati, nei secoli, sostegno del potere, o che hanno rappresentato un’alternativa radicale ad esso, nelle diverse sue manifestazioni ed espressioni: potere religioso, politico, culturale, economico. Esistono alcune religioni (dette “del Libro”, appunto: Ebraismo, Cristianesimo, Islam), che si fondano su testi considerati sacri, in quanto diretta emanazione della divinità, e si distinguono dalle religioni che non hanno tale fondamento. Anche della Rivoluzione francese fu antesignano l’Illuminismo, con la sua immensa produzione di libri e pamphlets; mentre il Risorgimento italiano non fu forse preparato da libri: di Mazzini, Ferrari, Gioberti, Rosmini, Cattaneo? Che dire poi del furore che colpisce volumi, li distrugge, li brucia? Un rapporto complesso, quello tra libri e potere, che la V Edizione di FestivalStoria (per il programma cliccare qui) cercherà di dipanare, articolando percorsi cronologici e tematici che vanno dall’antichità ai nostri giorni. Conversazioni, letture, lezioni, tavole rotonde; ma anche spettacoli ed esposizioni: FestivalStoria nasce nel 2004 all’insegna del motto di Marc Bloch che la storia “anche se non servisse a nulla, sarebbe divertente”. Per questo tutti sono invitati.
Share

On ottobre 21st, 2009, posted in: Lifestyle News by
No Responses to “Al via il Festival storia, per divertirsi (a pensare)”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus