registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Ad Asti, per capire il futuro partendo dal passato

“Nella prima età tutto si prepara, il campo riceve il seme”. E’ forse all’insegna di questa frase (tratta dal libro di Mario Tobino sulla vita di Dante “Biondo era e bello”) che una ‘scuola’ insigne di medievisti si è formata a Torino, sotto la guida di Tabacco e che ora – scomparso il ‘maestro’ – continua a seminare idee, lanciare progetti. Ed è dedicato proprio al medioevo – un’età che ha crea le premesse dello sviluppo creditizio moderno, e dunque dello ‘sviluppo’ tout court dello stesso occidente sin dal tardo medioevo – il Centro studi sui Lombardi e sul credito nel medioevo (vd. link http://www.comune.asti.it/uffici/area-2/archivio-storico/centro-studi.shtml), nato ad Asti nel 1996, grazie al coordinamento scientifico di studiosi come Renato Bordone, Gian Giacomo Fissore (Entrambi dell’Università di Torino) , Jean Louis Gaulin (Lione), Maria Giuseppina Muzzarelli (Bologna), Luciano Palermo (LUISS, Roma), Giovanna Petti Balbi(Genova), Giacomo Todeschini (Trieste). Proprio questa ‘rete’ di studiosi italiani ed internazionali (anche a Cambridge, MA, capita di sentirsene chieder notizia!) organizza spesso seminari residenziali nella bellissima città medievale di Asti per giovani studiosi, oppure finanzia borse di studio (grazie anche al supporto della Fondazione Cassa di Risparmio di Asti). Per conoscere meglio tutte le problematiche ruotanti attorno al credito (ed al microcredito) in prospettiva storico economica, ma anche sotto il profilo della ‘mentalità’, il CSL organizza spesso incontri aperti al pubblico, ed ai giovani potenzialmente interessati a questo tipo di studi. Sabato 12 dicembre 2009, ad. es., alle ore 11,00 presso la Sala Patrone del Teatro Alfieri di Asti avrà luogo la presentazione del volume “Avarizia. La passione dell’avere” di Stefano Zamagni, (Il Mulino).Presenterà Giacomo Todeschini , docente Storia medievale all’Università di Trieste e interverrà l’autore del volume, che vanta una assai ricca biografia. Stefano Zamagni è, infatti, professore ordinario di Economia Politica all’Università di Bologna (Facoltà di Economia) e Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center. Laureatosi in Economia e Commercio presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, si è poi specializzato all’Università di Oxford (UK) presso il Linacre College. Ha insegnato anche all’Università di Parma e all’Università Bocconi di Milano (Storia dell’analisi economica.) Le sue attività accademico-amministrative spaziano in una pluralità di direzioni, fra le quali si segnalano la Vice-presidenza della Società Italiana degli Economisti (1989-92); la Presidenza della Facoltà di Economia dell’Università di Bologna (1993-96); la Direzione di diversi corsi di Master Universitari e corsi di laurea. Dal 2007 è presidente dell’Agenzia per le Onlus, un ente governativo con funzioni di vigilanza e controllo, promozione, consulenza a Governo e Parlamento in materia di associazioni No profit. Nel 1994-1995 è stato membro del Comitato di avviamento della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali. Dal 1999 al 2007 è stato presidente di ICMC (International Catholic Migration Commission) di Ginevra. Dal 1999 è membro della New York Academy of Sciences. Molteplici altre sono le onorificenze, i riconoscimenti e le appartenenze ad accademie. E’ membro del Comitato scientifico di numerose riviste economiche nazionali e internazionali (quali ad esempio, Economia Politica, Italian Economic Papers, Economics and Philosophy, Mind and Society); dal 1994 al 2008 è stato membro del Comitato scientifico delle Settimane Sociali dei Cattolici Italiani. E’ direttore della rivista quadrimestrale Aretè e membro dell’Academic Committee of the Human Development, Capability and Poverty, International Research Center . Dal 1991 è consultore del Pontificio Consiglio di “Iustitia et Pax” e, proprio in quanto consultore del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, è tra i principali consulenti di Papa Benedetto XVI, con cui ha collaborato alla stesura del testo dell’ultima Enciclica Caritas in veritate. Per capire il futuro, partendo..dal passato. Info: centrostudilombardi@comune.asti.it (e, per la locandina, cliccre qui).
Share

On dicembre 12th, 2009, posted in: Lifestyle News by
No Responses to “Ad Asti, per capire il futuro partendo dal passato”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus