registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Sognando il suono della vittoria

I primi tre, se ancora non li conoscete, li scoprirete a giorni. Sono infatti in lizza per la sezione Giovani del 60° Festival di San Remo: Jessica Brando, coi suoi 15 anni, è la più giovane di tutti. A cinque anni intonava Frank Sinatra ed Ella Fitzgerald; dieci anni dopo esordisce sul palco più popolare d’Italia con il supporto della Emi music. In ordine di età segue Romeus, cantautore 22enne di Galatina (Lecce), fresco vincitore di San Remo Lab, arriva all’Ariston con un disco scritto con Francesco Tricarico e il sostegno di un’etichetta come la Sugar di Caterina Caselli, una che in fatto di scoperte diffi cilmente sbaglia un colpo. L’ultimo porta il nome della talentuosissima Malika Ayane. Il più adulto dei sanremesi è Luca Marino, cantautore varesino di 28 anni, che con la Warner music (la casa discografica di Arisa) porta in riviera la sua Non mi dai pace. Senza vetrine sensazionali, ma con grandi numeri da giocare, ecco Giovanni Truppi, 28 anni, fresco d’esordio con un album indipendente che spazia dal rock al jazz anni 30, al funky blues dell’ultima generazione (www.cinicodisincanto.it). Dai circuiti non uffi ciali arrivano anche due giovani capaci di farsi notare al Tour Music Fest, rassegna di musica indipendente. La prima è Barbara Giacchino, astigiana di 25 anni, diplomata in musicoterapia, innamorata di Capossela, Tenco e De Andrè, ora impegnata nella produzione del suo primo album di inediti; il secondo si chiama Ernesto De Luca, nato a Cosenza 29 anni fa, vincitore del Premio discografia e miglior cantautore al Tour Music Festival 2009. A breve uscirà il suo singolo con la Rusty Records. E i gruppi? C’è spazio anche per loro. Il primo ha un nome tutt’altro che promettente: Pan del Diavolo. Niente di luciferino però, sono due simpatici palermitani di 24 anni, freschi d’esordio discografico, il 15 gennaio scorso, con l’album Sono all’osso (edizioni La Tempesta), e reduci da un tour di ben 80 date. Genere? Folk/ blues speziato di punk. Se il nome dei primi inquieta, quello dei secondi non rassicura: Curtis Jones & The Gossip Terrorists; idem il titolo del loro primo album: The assassination of Alabama Whitman (edizioni Discipline); non di meno per la data del debutto, 13 novembre 2009. Una sfida alle superstizioni? Chissà. Sicuramente sfi dano il mercato discografico nostrano, dato che, pur italianissimi, cantano in inglese tutte le 11 tracce dell’album, un amalgama di garage-rock, funk, shake, indie, glam e new wave. E per ultimo andiamo in… E’Vacant. Gruppo milanesebergamasco- catanese capeggiato dalla front-woman Gaia, dalla cui storia trae forse origine il nome della band: ha infatti fondato il quartetto al ritorno in Italia da alcuni anni «vacanti» a Londra: «Studiavo all’università, cantavo e suonavo la chitarra», spiega, «e l’atmosfera musicale di quella città mi ha completamente contagiata». Una contaminazione british che ha impressionato i discografici, visto che a mettere i quattro sotto contratto ha pensato nientemeno che la Sonymusic.

Campus gennaio/febbraio 2010

Share

On gennaio 18th, 2011, posted in: Facce di Campus by
No Responses to “Sognando il suono della vittoria”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus