registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Mente brillante e fibra leggera

Problema: l’industria aeronautica assorbe gran parte delle fi bre di carbonio «pregiate» (ovvero, a basso numero di fi lamenti e quindi più leggere), disponibili sul mercato. Risultato, evidente: i prezzi di questo materiale schizzano in alto. Ma se, per il mercato non aeronautico, si prendessero fi bre con più alto numero di fi lamenti, più economiche, e si riuscisse a trasformarle opportunamente in modo da ottenere un tessuto di carbonio ugualmente leggero e resistente? L’idea di un giovanissimo ingegnere meccanico di Treviso, Carlo Della Bona, 26 anni, è risultata vincente. Ecco così che, con l’apporto fondamentale della ditta Angeloni di Quarto D’Altino, in provincia di Venezia, è nata Dynanotex, piccola srl costituita a luglio scorso e che ha lanciato i propri prodotti sul mercato a fine 2007. «Il nostro è un sistema rivoluzionario per produrre tessuti tecnici, in particolare in fibra di carbonio, che permette di realizzare un prodotto con caratteristiche superiori a quelli esistenti in commercio, partendo da una materia prima di costo inferiore, abbassando, così, i costi di produzione», spiega Carlo. «Le cose stanno andando davvero bene: quasi non ce le aspettavamo tutte le richieste che ci stanno arrivando», sorride. Il progetto, insomma, va forte e a dicembre ha ricevuto il secondo premio, di 30mila euro, al Pni, Premio nazionale per l’innovazione, riconoscimento che va alle idee imprenditoriali più innovative in Italia (primo si è piazzato il progetto Nanoxer, presentato dall’Università di Trieste). Già nel laurearsi, Carlo era stato molto rapido. Il titolo l’ha preso a Padova, in Ingegneria meccanica, indirizzo produzione, nel marzo del 2006, a 25 anni. Niente male davvero, considerando che ha seguito il vecchio ordinamento quinquennale. Visto e preso: appena uscito dall’università, il neo ingegnere è stato assunto in un cantiere navale, il Marine Tech di Venezia, come supervisore tecnico. «Nautica e pesca in mare sono le mie grandi passioni», racconta. A febbraio dello scorso anno, il tuffo, è il caso di dirlo: lasciato il cantiere si è buttato nell’avventura della libera professione.

{mosimage}

Campus gennaio/febbraio 2008

Share

On gennaio 11th, 2011, posted in: Facce di Campus by
No Responses to “Mente brillante e fibra leggera”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus