registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Manuela Moelgg, sulla scia di deborah

Sulla scia di Denise Karbon, e possibilmente di Deborah Compagnoni. Bionda e sorridente: questi i tratti caratteristici di Manuela Moelgg, la 24enne sciatrice altoatesina si preannuncia come una delle atlete di punta per il 2008 dello sci femminile italiano. Nata a Brunico, ma da sempre residente a San Vigilio di Marebbe, Manuela all’età di quattro anni è già sugli sci. Sempre e comunque in compagnia del fratello maggiore, Manfred, al quale è legatissima. È iniziata praticamente da lì la carriera dei due enfant prodige dello sci azzurro, approdati entrambi nel giro della Nazionale non molti anni dopo quelle loro prime discese. Nata come atleta polivalente, Manuela negli ultimi anni si è dedicata allo slalom speciale e al gigante, specializzandosi sui tracciati ripidi e ghiacciati, dove può soddisfare la sua spericolatezza e la sua forza. Non è un caso che tra i suoi soprannomi, accanto al classico Manu, ci sia anche quello di Cavallo pazzo. Un’etichetta che le sta appiccicata addosso alla perfezione e che interpreta magistralmente il carattere e lo spirito di questa sciatrice che ama la pasta e ha un debole per il numero nove, il suo portafortuna. Determinata e vincente, Manuela è una di quelle che in gara non molla mai. Grinta da vendere, resta negli annali la sua incredibile performance ai Mondiali di St. Moritz 2003 dove è stata protagonista di una prodigiosa rimonta in gigante terminata con il settimo posto finale. Sono già tante le affermazioni e i successi che ha ottenuto in carriera. Le sue imprese, dopo quelle della compagna Denise Karbon, che hanno infi ammato gli appassionati dello sci, suscitano nuovi entusiasmi attorno alla Nazionale femminile, al punto che molti degli addetti ai lavori sono tornati a parlare dopo tanti anni del ritorno alla Valanga Rosa. «Avanzo a piccoli passi», dice Manuela, «però è importante che migliori costantemente. Commetto ancora tanti errori, però la prendo con la giusta fi losofi a. Significa che posso migliorare sotto ogni aspetto. Adesso mi lancio in discesa e supergigante ». Con la solita grinta e il sorriso dei giorni migliori, per un 2008 che si preannuncia come l’anno del suo defi nitivo lancio nel fi rmamento delle stelle dello sci.

{mosimage}

Campus gennaio/febbraio 2008

Share

On gennaio 11th, 2011, posted in: Facce di Campus by
No Responses to “Manuela Moelgg, sulla scia di deborah”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus