registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Giustizia e pace in prima linea

Motivati e in prima linea nel portare la responsabilità del mondo. Convinti che fare la propria parte renda tutti più liberi. Sono i giovani impegnati nel non profi t, immagine di un Paese che, all’invito del direttore generale Luiss, Pier Luigi Celli, ad abbandonare un’Italia aguzzina verso le nuove generazioni, risponde con le parole di Antonio De Napoli, 25 anni, portavoce del Forum nazionale dei giovani: «Non ci pensiamo a partire. Siamo quella parte di Paese reale positivo che crede nel volontariato, non cerca la scappatoia, non salta la coda; ci impegniamo nel sindacato, nelle associazioni, nei partiti. Crediamo nella forza del nostro impegno». Chi affascinato da uno sguardo diverso sulla disabilità, come Gianfranco Mingione, 26 anni, che per il Forum presiede la Commissione inclusione sociale e, dal 2007, collabora con il network di informazione sociale Handiamo!. Chi incalzato dalla necessità personale, come il presidente del Comitato giovani sordi italiani, il tarantino Angelo Raffaele Cagnazzo, che, dopo un anno alla Gallauder University di Washington D.C. (unico campus al mondo per non udenti), ha deciso di spendersi in Italia per assicurare pari diritti ai ragazzi come lui. Chi, invece, mosso dall’urgenza di trovare una sintesi tra due identità culturali, come Sara Emam, 21 anni, bergamasca di nascita, egiziana di origini, impegnata a supportare le diffi cili sfi de delle seconde generazioni nel Direttivo nazionale dei Giovani musulmani d’Italia. E chi, infi ne, ha scelto di lasciare un segno nel luogo più prossimo, l’università, come la fi orentina Sara Martini, classe ’86, iscritta alla magistrale in Studi europei nella sua città e presidente nazionale femminile della Fuci per il triennio 2009-2011. Storie e sensibilità differenti, con un unico grande ideale: «Prendere parte alla vita sociale della propria comunità, cercando un luogo di risposta a quest’urgenza». Giuseppe Failla, 30 anni, di Rosolini (Sr), la sua strada l’ha trovata nei Giovani delle Acli, di cui è segretario nazionale dal dicembre 2008. «L’anno scorso ricorreva il 60°», racconta. «Una lunga storia di impegno sul territorio, in 80 province, per favorire l’aggregazione dei giovani con percorsi di educazione alla legalità, di formazione alla politica, al servizio civile, alla cittadinanza attiva». Fra i compiti del suo mandato, l’ipotesi di una proposta rivolta anche agli adolescenti e la costituzione di una rete internazionale fra i circoli dei 18 Paesi del mondo in cui i giovani aclisti sono presenti. Una scelta attiva che per Aurora Caruso, 29 anni, è diventata anche professione: un master in Europrogettazione e uno stage al Centro europeo per lo Sviluppo della formazione professionale di Salonicco, lavora oggi come responsabile Asfai del Settore invio Servizio volontario europeo e del Programma scolastico in Usa. Ma rimane per tutti, prima che altro, una vocazione. Perch

Share

On gennaio 18th, 2011, posted in: Facce di Campus by
No Responses to “Giustizia e pace in prima linea”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus