registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Giovani talenti crescono

A contribution of our own: Politica atomica e influenza internazionale della Gran Bretagna del secondo dopoguerra”. Non è il titolo di una lectio magistralis d’ateneo, bensì quello della tesi di laurea che ha permesso a Chiara Passarin, giovane laureata specialistica in Storia della Società europea dal Medioevo all’età contemporanea presso l’università Ca’ Foscari di Venezia, di aggiudicarsi il premio “Giuseppe Del Torre”.
Lo studioso cafoscarino, di cui è stato ricordato il primo anniversario dalla scomparsa, era docente di Storia moderna e contemporanea presso il Dipartimento di Studi Storici. E proprio il suo ateneo ha voluto ricordarne la figura di docente di grande competenza scientifica, bandendo un premio di laurea a suo nome riservato a tre tesi di laurea magistrale di argomento storico (le altre vincitrici sono Laura Amato e Alice Tuminello)
“La mia tesi di laurea” racconta Chiara, vincitrice di una borsa di studio pari a 1.000 euro lordi, “racconta la posizione del governo inglese in ambito nucleare dal 1946 al 1958. Posizione che ho analizzato prendendo in considerazione la situazione economica e politica nazionale, le pretese di influenza internazionale inglesi, il contesto internazionale (e di conseguenza lo svilupparsi della guerra fredda, la bipolarizzazione mondiale e il rapporto tra Stati Uniti e Gran Bretagna) e il ruolo svolto dalle ex-colonie inglesi nello sviluppo del potenziale atomico inglese.”
Insomma una lavoro di ricerca capillare e assai impegnativo, per cui la giovane dottoressa ha dei ringraziamenti particolari. “Per me è doveroso ringraziare quei docenti del dipartimento di Studi Storici dell’università Ca’ Foscari che durante il percorso di studi hanno contribuito alla mia crescita, non solo a livello accademico. In particolare sono molto riconoscente al professor Rolf Petri che ha instancabilmente seguito e guidato i lavori per la mia tesi avendo a cuore la mia libertà intellettuale e i miei interessi di ricerca.”
E una volta conseguito questo riconoscimento, per Chiara non è tempo di fermarsi. “Da qualche settimana ho iniziato a lavorare in una scuola media privata della zona. Ma non ho comunque abbandonato i miei interessi per la ricerca e sono in attesa degli esiti di alcune domande di dottorato che ho presentato nelle scorse settimane.” Auguri.
Share

On novembre 4th, 2010, posted in: Facce di Campus by
No Responses to “Giovani talenti crescono”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus