registration





A password will be e-mailed to you.

Dieci esordienti. Da leggere d

_ Silvia Pingitore 24 anni, Giulio Perrone editore
Piacerà molto ai più giovani. Via Ripetta 218 Liceali acidi titolo del romanzo d’esordio di Silvia Pingitore, è la sede storica di un liceo artistico e il libro racconta la vita degli adolescenti de’ Roma, non tre metri sopra il cielo, ma ragazzi ben piantati per terra. Niente voli pindarici o romantici ghirigori, ma una galleria di facce vere, un po’ da ridere e un po’ da piangere.
Silvia, che nel suo personale canestro ha già messo un premio Moravia, è sicuramente una giovane scrittrice di talento. Da tenere d’occhio.
_ Veronica Raimo 29 anni, Minimum fax
Veronica con la scrittura ci sa fare. Le parole, d’altra parte, sono il suo mestiere: traduttrice per alcune case editrici, collaboratrice per riviste e giornali, poetessa per passione. Il suo esordio narrativo, Il dolore secondo Matteo è un misto di tecnica stilistica, facilità di racconto, lucida costruzione di personaggi.
Esistenze e identità sessuali in bilico tra vita e morte, nel vero senso della parola, considerato che gran parte della storia si dispiega in un’agenzia di pompe funebri (e non solo), vero spazio intermedio tra l’aldiqua e l’aldilà. A volte l’impressione è che lo studio della scrittura sia un po’ eccessivo, in ogni caso Veronica ha i numeri per contare nello spazio narrativo italiano.
_ Giovanni Montanaro 25 anni, Marsilio
Un esordio più che sorprendente quello di Giovanni Montanaro, nato a Venezia. Nel suo libro, La croce Honninfjord non ci sono scuole, motorini, amori. Ci sono invece nazisti tedeschi e partigiani norvegesi, monaci benedettini e soprattutto tanti, tantissimi spartiti, custoditi in un immenso archivio musicale. Per quattro storie parallele e intersecantisi.
Laureando in Giurisprudenza, Montanaro è anche autore di uno spettacolo, Arriva sempre la stessa lettera da Vienna, ambientato nella Seconda guerra mondiale, che sta girando i teatri italiani. Insomma, una bella testa. Da cui ci aspettiamo molto in futuro.
 _ Pietro Grossi 29 anni, Sellerio
Non ha ancora trent’anni e dall’inizio del suo primo libro ne sono già passati 20. Incredibile Pietro Grossi, che da bambino ha iniziato a scrivere un romanzo su due ragazzini fuggiti di casa e fiiiti a Napoli, in mezzo alla camorra.
Dopo aver fatto lo skipper ai Caraibi, provato a fare lo sceneggiatore a Roma, dopo aver lavorato come copywriter, Grossi torna al primo amore, la scrittura. E dà alle stampe L’acchito: la storia di Dino che ritrova la cartesiana certezza razionale nel suo lavoro (costruire stradine con i ciottoli) e nella sua passione, il biliardo. Fino a che il vento del cambiamento non scombinerà tutto.
_ Francesco Gungui 28 anni, Feltrinelli
Qualche anno fa pubblicò Io ho fame adesso!, una pratica e divertente guida a come sopravvivere ai frigoriferi delle case studentesche.
Adesso Gungui ha allargato la visuale dal frigo all’appartamento, metafora dell’esistenza. Che è diventata componibile, come un mobile dell’Ikea. Il libro, Nel catalogo c’è tutto. Per chi va o torna a vivere da solo (in uscita a marzo), racconta di Franz, 10 appartamenti e 13 lavori precari.
Una voce simpatica quella di Gungui, che, tra una cosa e l’altra, si dedica anche alla letteratura per bambini.
_ Andrea Fazioli 29 anni, Dadò e Guanda
Outsider vero, anche per i luoghi in cui è nato e cresciuto, Bellinzona e la Svizzera italiana. Andrea Fazioli è l’unico scrittore di gialli di questa zona. Il suo libro, Chi muore si rivede, uscito per l’editore Dadò, è piaciuto molto, tanto che si sta già lavorando a una trasposizione cinematografica.
Chi si occupa dei suoi destini in Italia è la casa editrice Guanda che ha pubblicato un suo racconto, Swisstango, nell’antologia Delitti in provincia.
Ha vinto il premio Chiara Giovani e tra i suoi obiettivi c’è quello di farsi conoscere dai lettori italiani.
_ Simone Laudiero 29 anni, Fazi
La difficile disintossicazione di Gianluca Arkanoid. È questo il titolo, un po’ goethiano, del romanzo d’esordio di Simone Laudiero, milan-napoletano, autore degli sketch comici per la trasmissione di Italia 1, Camera Caf

Share

On febbraio 1st, 2008, posted in: Facce di Campus by
No Responses to “Dieci esordienti. Da leggere d”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus