registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Chi si prepara al dopo Berlusconi

Progressisti o conservatori che siate, prima spazio alle donne. L’alter ego femminile e giovane di Antonio Di Pietro nell’Italia dei Valori porta il nome di Paola Calorenne. Messinese di 28 anni, da giugno è coordinatrice nazionale giovani dell’IdV, sezione che dall’agosto scorso ha un forum tutto suo su www.italiadeivalori.it. Fra gli impegni: precariato, antimafi a, difesa dell’istruzione pubblica, pluralismo dell’informazione. Alice D’Ercole, 28 anni, di Siena, è invece impegnata in campo sindacale. Laureata in Economia politica con 110 e lode, dopo un’esperienza all’Udu, Unione degli studenti, si è occupata, per la Cgil, di welfare, amministrazioni, fi sco e ora di sanità. Le quote rosa ahinoi fi niscono qui. Diversità di genere a parte, l’alterità è preservata dall’etnia. Khalid Chaouki, 27 anni, ha origini marocchine (è nato a Casablanca) ed è il responsabile di immigrazione e seconde generazioni dei Giovani Democratici del Pd. L’internazionalità è anche la vocazione di Riccardo Pozzi, 21 anni, segretario internazionale del movimento giovanile Udc e già responsabile Eds, European democrat student, piattaforma giovanile di tutti gli universitari europei cristianodemocratici, liberali e conservatori. Vocazione che aveva forse già nel Dna: nato a Bologna, residente a Bergamo, studia Legge alla Cattolica di Milano. Giurista è anche Roberto Ricco, 27 anni di Gorizia, avvocato penalista, delegato al congresso fondativo del Popolo delle Libertà con un passato in Azione giovani, il movimento jr di Alleanza Nazionale. Nell’altro «polo» dell’ex Polo l’emergente si chiama Luca Cuccu: nato a Firenze 24 anni fa, studente di Economia a Pisa, è in Forza Italia solo dal 2007. La precocità sembra invece la cifra distintiva della Lega: Eugenio Zoffili, nato a Erba, in provincia di Como, ha 30 anni e ne vanta ben 17 di militanza: aveva infatti 13 anni quando, dopo aver assistito con suo padre a un comizio di Umberto Bossi, si decise per la politica. Ha lavorato a Telepadania, collaborato con Radio Padania Libera e fatto una lunga gavetta che da consigliere di Ponte Lambro (Co) lo ha portato a Coordinatore nazionale del Movimento giovani padani della Lombardia. Dalla provincia profonda, ma volitiva, arriva anche Oliviero Maggi, pavese di 22 anni, studente di Lettere, appassionato di storia contemporanea, neoeletto all’assemblea provinciale del Partito democratico, con simpatie per Ignazio Marino. La palma del più giovane va però all’altrettanto giovane Sinistra e Libertà, movimento che, con le recenti affermazioni di Nichi Vendola alle primarie in Puglia, sembra tra i più capaci di dare voce a nuove istanze. Il «baby» si chiama Lorenzo Azzolini, 21 anni appena compiuti. Nato il 9 dicembre 1988 a La Spezia, studia Scienze politiche all’Università di Genova ma è già impegnatissimo: «Un altro mondo è possibile, ma è ora di dire quale e come lo possiamo costruire», spiega sicuro. «Solo con un pensiero “lungo” e una prospettiva politica che esca dal qui e ora possiamo imprimere un cambiamento forte fatto di programmi e di idee».
Share

On gennaio 18th, 2011, posted in: Facce di Campus by
No Responses to “Chi si prepara al dopo Berlusconi”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus