registration





Verrà spedita una password via e-mail.

A-Lab, Alta moda e pr

Che cos’è la moda? «Per chi non la conosce, un circo di frivolezze e spettacolo. Per chi la produce, un modo della storia, una dimensione della società, una forma del pensiero». Fa sul serio Alessandro Biasi, giovane stilista 24enne, diplomato al corso in Fashion and textile design alla Naba, Nuova accademia di belle arti di Milano. Talmente sul serio che, insieme ad altri quattro ex compagni di studi, ha fondato poco più di un anno fa il laboratorio A-Lab (www.alabmilano. com), dinamico atelier meneghino che interpreta la moda come massima espressione della creatività made in Italy e il capo d’abbigliamento come vera opera d’arte. «Col nostro marchio», spiega il giovane art director, «ci proponiamo di rappresentare una valida alternativa all’industrializzazione di prodotto, che ha appiattito ideali nobili di qualità in semplice apparire: i nostri capi sfuggono alla retorica dell’immagine popolar-commerciale, per rifarsi alla più alta tradizione sartoriale degli atelier anni 50». A metà fra alta moda e prêt-à-porter, le produzioni A-Lab prevedono una quantità di capi limitata, dieci per collezione, tutti rigorosamente numerati: «Abiti dalla modellistica complessa, frutto di un’accurata ricerca sui materiali e sul dettaglio, che speriamo possa identificare un altro modo di intendere il mestiere; non ci rivolgiamo a un’

Share

On gennaio 11th, 2011, posted in: Facce di Campus by
No Responses to “A-Lab, Alta moda e pr”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus