registration





A password will be e-mailed to you.

Meno ideogrammi, meno fantasia

Panico tra le giovani coppie pechinesi e le neo-mamme cinesi: nella scelta del nome per il loro piccolo erede, dovranno limitare la fantasia, e optare per suoni più classici e semplici.  Il nuovo schedario informatico con cui verranno stampate le future carte d’identità, infatti, è stato semplificato, e non contiene più tutti i caratteri cinesi attualmente utilizzati. Si passerà dai 50 mila ideogrammi che compongono il vocabolario di riferimento della lingua cinese, il Kangxi, ai circa 27 mila che raccoglierà la banca dati del Ministero della Sicurezza pubblica. Insomma, una semplificazione burocratica, che però peserà molto sulle famiglie. La tradizione cinese, infatti, dà un particolare rilievo alla originalità nella scelta del nome di un figlio. Originalità che in genere si esprime attraverso la ricerca di significati poetici anche con l’uso di ideogrammi rari, che richiamano suoni melodiosi. Tutto questo cambierà, a partire dal 2008, quando la riforma della carte d’identità diventerà operativa.

Share

On maggio 24th, 2006, posted in: Diario da Pechino by
No Responses to “Meno ideogrammi, meno fantasia”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus