registration





A password will be e-mailed to you.

La tesi? La copio, e non mi vergogno

Allarme corruzione nelle università cinesi. Un problema che finora aveva riguardato quasi esclusivamente il mondo politico, indignando la cittadinanza, ora è diventato un punto debole anche del sistema educativo nazionale. Professori che obbligano gli studenti dottorandi a scrivere ricerche che poi pubblicano in volumi a loro nome; universitari che scopiazzano la tesi a destra e a manca; insegnanti che plagiano opere altrui pur di fare carriera. Sono solo alcuni esempi del tarlo della corruzione che sta bacando anche i migliori atenei cinesi, quelli che fanno invidia perfino agli americani per l’alto livello dell’insegnamento. Casi del genere sono familiari anche a noi Italiani. I Cinesi, però, esagerano: sembra infatti che i colpevoli di plagio, una volta smascherati, non dimostrino alcun senso di colpa, totalmente incuranti di ogni regola morale. Qualcuno, per fortuna, si è ribellato: a novembre, un migliaio di dottorandi è sceso in piazza per manifestare contro la corruzione universitaria e invitare le matricole a tenere comportamenti corretti

Share

On aprile 10th, 2006, posted in: Diario da Pechino by
No Responses to “La tesi? La copio, e non mi vergogno”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus