registration





A password will be e-mailed to you.

Il “love shopping”

Una delle poche parole in inglese che tutti, ma proprio tutti, i giovani pechinesi capiscono, è « shopping ». Con il boom economico sta crescendo anche il consumismo, in maniera esponenziale. Passeggiando per Pechino, sembra di essere in una capitale europea. I più alla moda, come sempre, sono i giovanissimi. E’ di rigore il pantalone dentro lo stivale, i jeans aderenti a vita bassa, la manicure alla francese per lei; la montatura degli occhiali colorata, i capelli spettinati in una piccola cresta, il piercing all’orecchio, i pantaloni larghi e sempre a vita bassa per lui. Una delle zone più frequentate per fare shopping è la “Via della Seta”, un intero palazzo a 5 piani dove si può comprare di tutto e di più. Non lontano dalla stazione ferroviaria di Pechino, alla fermata Yongan Li della linea principale della metro. Inizialmente era dedicato ai turisti a caccia di marche false a basso prezzo. Ora, però, è una zona molto battuta dai cinesi, abilissimi mercanteggiatori: riescono sempre a spuntare un prezzo molto inferiore alla cifra iniziale. Un esempio? Borsa di pelle marrone taroccata “Tods”, 55 yuan (5,5 euro), scarpe finte “Puma” 45 yuan, neanche 10mila delle nostre vecchie lire. La griffe, anche se fasulla, è d’obbligo: un modo per sentirsi occidentale e alla moda.

Share

On aprile 10th, 2006, posted in: Diario da Pechino by
No Responses to “Il “love shopping””
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus