registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Torna la pop art: Schifano a Milano

La mostra, Schifano. 1934-1998, Selected Works (17 ottobre 2008-1 febbraio 2009) è stata presentata stamane dallo stesso Bonito Oliva e dal coordinatore Marco Meneguzzo. La retrospettiva seleziona alcune opere del più grande esponente italiano della Pop Art – che fu in contatto con Duchamp, Jasper Jones e Warhol . “Siamo andati fior da fiore”, ha detto Bonito-Oliva, “come gli dicevo spesso, Schifano era un quadrificio: aveva un rapporto strumentale con la pittura, quando ne aveva bisogno ci si tuffava, producendo in grande quantità”. Della rassegna fanno parte anche alcune opere dell’ultimo decennio dell’artista, meno celebrate ma ugualmente dense e più impregnate di quella sperimentazione che portava Schifano a ibridare pittura con musica, cinema, video. Nei quadri esposti la furia esistenziale dell’artista che, come ha ricordato Menuguzzo, “fu certamente il più grande pittore del Dopoguerra”. In contemporanea, l’Accademia di Brera ospita La chimera, opera che Schifano dipinse live a Firenze, nel 1985. “In piazza, davanti a cinquamila persone” ha raccontato Bonito Oliva che fu cronista dell’evento. A Milano anche alcune opere commissionate all’artista da Gianni Versace, alcune delle quali arrivate dalla villa della Florida davanti alla quale lo stilista fu ucciso. Sei grandi opere che saranno esposte nella boutique Home di via Borgospesso. Il catalogo della mostra (Electa, 244 pagine con 250 illustrazoni, euro 40) raccoglie vari interventi fra i quali Il capolavoro sconosciuto (deadline). Con aura senz’aura, in cui Enrico Grezzi analizza la passione di Schifano per il mondo televisivo.
Per info:
www.schifano.org, www.marioschifano.it.

Share

On ottobre 16th, 2008, posted in: Cool by
No Responses to “Torna la pop art: Schifano a Milano”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus