registration





Verrà spedita una password via e-mail.

L

I RAGAZZI SONO CAMBIATI. E CON ESSI I LORO MODI DI PROTESTARE, INSULTARE, OFFENDERE E INDIGNARE. APPUNTI SEMISERI SU SLANG E BABY GANG IN MOVIMENTO, DALLA SCUOLA AGLI ATENEI

Escort
Significa semplicemente prostituta. La buona educazione vieta tale parola? Eppure il significato è sottilmente, maliziosamente, politicamente diverso.

Cattivo uso della parola
In tv i reality e talk show sono pieni di parole usate come insulto volontario (e come intercalari) sdoganate dalla legge in quanto facenti parte della vita quotidiana: io non vivo in un reality, ma nella realtà (cosa tangibile, durevole, materiale, concreta, prospettica, dolce e amara, bella o brutta, insomma: assai diversa e non certo verosimile).

Bestemmie
In largo uso (le sento di continuo tra adolescenti quando porto i miei cani al parco. Sullo sfondo giocose famigliole e bambini attenti a non pestare la cacca dei cani non raccolta dai loro «padroni»): se fossimo in Paesi un tantino rigidi con la distorsione politica dell’Islam, sarebbero tutti senza lingua.

Esposizione del dito medio
Frequentissima: durante le guerre tra francesi e inglesi, gli inglesi (non ancora divenuti hooligans) rapivano gli arcieri francesi (molto combattivi e capaci di impedire la vittoria dell’Inghilterra), tagliavano loro il dito indice così da impedirgli di scoccare le frecce.
Gli arcieri rimasti allora per far comprendere che potevano ancora attaccare, mostravano il dito medio a soldati avversari beffandosi di loro.

Salutare
è cortesia, rispondere è un dovere. Ma dove? Da dieci anni entro al bar, saluto, chiedo un caffè e nessuno si degna.

Tipi umani politicamente scorretti e socialmente identificabili
Automobilisti maleducati certo, ma anche anziani alla Posta che litigano sempre.
Alunni maleducati ovvio. Ma anche il bidello e la segretaria.
Chi sbaglia i congiuntivi in tv. Chi dà per scontato che hai voglia di saperlo.
Bambini trasformati in piccoli amici a cui confidare le proprie difficoltà esistenziali di adulti.
Artisti che si credono di esserlo.
Calciatori ormai personaggi.
Membri di quello che una volta era popolo e oggi massa.
I camerieri che ti porgono lo scontrino al tavolo facendo vedere il prezzo alla persona alla quale desideri offrire.
Professori e forme autorevoli in genere che litigano fra loro davanti ai loro discenti. Professori che non danno del «Lei», dopo la scuola dell’obbligo.
Gli italiani in genere (mi spiace ma all’estero son tutti più cortesi).
La lista supera l’immaginazione, perciò per quanto riguarda chi vi scrive, sappiate che Emma Satis, si esprime spesso, troppo spesso con la parola «Cazzo!». Ma dopo la Mara Maionchi a X Factor, anche questo è diventata una semplice «reazione passionale per il proprio lavoro».

Leggi anche gli altri articoli dell’inchiesta La mala educaciòn e Super cafone

Share

On ottobre 15th, 2009, posted in: Cool by
No Responses to “L”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus