registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Africa Unite, ora tocca a Rootz

È l’album numero quindici per il gruppo icona del reggae made in Italy: stiamo parlando di Roots, ultima fatica degli Africa Unite, sulla scena dal lontano 1981. Roots recupera alcune sonorità più ortodosse del reggae, reintroduce la sezione fiati e offre un sound che unisce Dub, Poetry e il suono delle radici del reggae, miscelando il tutto con contenuti attuali. I temi affrontati svariano intorno alla cronaca quotidiana: Così sia elogia la diversità, polemizzando con le posizioni omofobiche di alcuni artisti giamaicani, Il Movimento immobile parla delle grandi questioni ambientali, Cosa resta lancia un grido d’allarme sulla nostra società a forte controllo mediatico.

«Anche stavolta – spiegano gli Africa – abbiamo voluto invitare al nostro tavolo alcuni amici per condividere e cesellare il nostro lavoro: Alborosie, l’italo-giamaicano più famoso della scena reggae europea e non solo; i Franziska nelle persone di Piero Dread e Roddy Jah Son; Mama Marjas a rappresentare con la sua voce calda e ritmica la scena di Taranto; i giovanissimi Mellow Mood che, ottimamente rappresentati da Jacopo, dimostrano che il “nuovo reggae” gode di ottima salute. Ultimo, ma primo nei nostri cuori, Patrick “Kikke” Benifei (Casino Royale), presente in tutti i brani a supportare e ricamare la voce di Bunna, con la sua splendida vocalità. Tutti quanti gli invitati, quindi, ci danno un assaggio della scena reggae nostrana, assolutamente viva e non meno rigogliosa di quella europea. Ognuno degli ospiti si esprime sulle tunes secondo il proprio stile e aggiunge, con il suo intervento, un sapore nuovo al brano». Per info consultare il sito: www.africaunite.com.

Share

On marzo 17th, 2010, posted in: Cool by
No Responses to “Africa Unite, ora tocca a Rootz”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus