registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Niente satira, siamo a Oxford

Tempi duri per l’umorismo inglese. Oxymoron, storico mensile satirico di Oxford, è stato messo al bando durante la “Fiera delle matricole”, un open day dedicato ai nuovi studenti dell’ateneo. Il motivo sono gli articoli paradossali e ironici pubblicati della testata universitaria, tiratura 2.500 copie, che possono indurre l’incauto lettore a «non distinguere il falso dal vero». Sotto accusa titoli come “Epidemia di lebbra a Cambridge” o “Le ferrovie avvisano: autobus temporaneamente sostituiti con treni a causa di incidenti”. Gli organizzatori della fiera, spalleggiati dall’Unione Studenti di Oxford, hanno così deciso di mettere un freno a questo sottile umorismo, ritirando le 200 copie stampate la sera prima e pronte per essere distribuite durante l’open day. Proteste dei giornalisti di Oxymoron, naturalmente, e stupore da parte dei lettori del giornale. «Le matricole che sono riuscite a superare le selezioni per una delle università più prestigiose del mondo possono comprendere la differenza fra la satira e la vita reale», commenta uno studente. Ma i funzionari, di fronte ai reclami, hanno fatto orecchie da mercante. «Non vogliamo sottovalutare l’intelligenza dei nuovi studenti», spiega Jake Leeper, fra gli organizzatori dell’open day, «ma il nostro timore è quello che, leggendo solo i titoli, si possano prendere per vere quelle che in realtà sono bugie». I giornalisti di Oxymoron però non si sono arresi e dopo il bando hanno annunciato la distribuzione di un numero speciale, che sarà dedicato proprio alle matricole.

Share

On ottobre 21st, 2009, posted in: Campus Mix by
No Responses to “Niente satira, siamo a Oxford”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus