registration





A password will be e-mailed to you.

Milano, “Mamma” di piccole tragedie minimali

Al centro della scena un grande specchio. Attorno sacchetti di plastica e rottami. Da una parte un modno di fiaba, con orchi, serpenti principi e principesse, dall’altra la corruzione operata dai mass-media, un linguaggio da telenovelas, festival canori, miti da rotocalco. Questa la cornice di Mamma, lo spettacolo di Annibale Ruccello, realizzato dal Teatro Bellini di Napoli, in scena da questa sera al 13 marzo al Teatro Libero di Milano (via Savona 10, www.teatrolibero.it)
Rino Di Martino, unico interprete sul palco, si cala nei surreali e deliranti personaggi, testimoni di un malessere collettivo che delinea personalità disturbate, solitudini e realtà fittizie. L’attore si muove dentro lo specchio per raccontare storie antiche della tradizione campana, mentre fuori imperversa l’ angosciante paesaggio metropolitano delle tv, dei telefoni e dei computer.
In un mondo dove i bambini si chiamano Morgàn, Ursula, Isaura, Luis Antonio e Dieguito, i messaggi pubblicitari bombardano la mente, i deliri religiosi si sdoppiano, affiancando alla Vergine Maria e al Salvatore Marlon Brando, Rossano Brazzi e Rosanna Fratello. Finch

Share

On marzo 7th, 2006, posted in: Campus Mix by
No Responses to “Milano, “Mamma” di piccole tragedie minimali”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus