registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Il cuore zingaro di Torino

Torino ha un cuore Manouche.
Dal 14 al 16 settembre, il capoluogo piemontese ospiterà la quinta edizione del festival internazionale “Jazz Manouche Django Reinhardt”, che colorerà via Borgodera e il Cortile del Maglio con atmosfere suggestive.
Intitolato alla memoria dello straordinario personaggio che ha collegato la tradizione musicale del popolo zingaro (Manouche, appunto) con il jazz dell’anima nera americana, il festival si propone come un’alchimia perfetta che raccoglie l’essenza dei più disparati stili sonori, dal valzer Musette francese al jazz Anni ’30.
Dopo i successi delle precedenti edizioni, la manifestazione quest’anno propone altri grandi nomi del jazz Manouche. E così gruppi del calibro dei “Boulou & Elios Ferrè”, dei “Florin Colescu Quartet” ma anche i padroni di casa, i torinesi “Manomanouche”, si esibiranno in concerti e jam session emozionanti che riusciranno a far vibrare il cuore del pubblico.
Parallelamente alla sessione musicale, si aggiungeranno attività collaterali: la rassegna cinematografica porterà la tradizione zingara al Cinema Romano, mentre il Cortile dei Ciliegi farà da cornice alle esibizioni dei maestri liutai, che suoneranno e coinvolgeranno i curiosi in laboratori ed esposizioni di chitarre manouche.
I concerti gratuiti per le vie di Torino sono previsti nel pomeriggio, mentre quelli a pagamento (10 euro l’ingresso) avranno inizio alle 21.

Per maggiori informazioni, www.djangoreinhardt.it

Share

On settembre 7th, 2006, posted in: Campus Mix by
No Responses to “Il cuore zingaro di Torino”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus