registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Iconoclasti oggi senza frontiere

DA OBEY A RICHTER, DA VERLATO A GREEN: IN MOSTRA A ROMA I FUORICLASSE DELL’ARTE URBANA

Pop, Neo pop e Urban art: in contemporanea con la caduta del Muro di Berlino e l’apertura della porta di Brandeburgo, alcune tendenze artistiche che sembravano destinate all’emarginazione entrano finalmente a far parte del novero dell’arte contemporanea.
Alla schiera di artisti, performer, designer che hanno dato vita a questi movimenti è dedicata la mostra «Apocalypse wow! Apocalittici, pop surrealisti, creatori di mondi senza frontiere», ospitata al Macro Future di Roma (www.macro.roma.museum) sino al 31 gennaio 2010.
Un caleidoscopio di pubblicità, fumetti, copertine di libri e dischi, spot, prime pagine di giornali, vinyl toys, collezioni di moda – nuovi idoli della comunicazione e del consumo di massa – trova spazio all’interno della collettiva, per oltre 80 opere, tra dipinti, sculture e installazioni, scelte tra quelle dei più rappresentativi esponenti di un immaginario che negli ultimi 20 anni di cambiamenti epocali hanno costruito la cosiddetta «era globalizzata».
All’interno del percorso espositivo, fra gli altri, Shepard Fairey, conosciuto anche come Obey, oggi famoso per aver lanciato l’icona che ha accompagnato Barack Obama durante le elezioni presidenziali; Daniel Richter, il pittore espressionista considerato il più grande esponente del nuovo figurativismo tedesco; Nicola Verlato, che ha rappresentato l’Italia alla 53esima Biennale di Venezia; Doze Green, uno degli ultimi grandi urban artist cresciuti con Keith Haring e Jan Michel Basquiat nella New York anni 70-80; Ron English, inventore della PoPaganda e noto per le sue pitture surreali dedicate al Muro di Berlino.
Un viaggio alla scoperta di un’arte eclettica, vitale e irrefrenabile, che ha saputo adottare vari linguaggi, per arrivare dappertutto, abbattendo barriere, portando alla luce il mondo sotterraneo di giovani capaci di dialogare al di là di ogni differenza.

Share

On dicembre 15th, 2009, posted in: Campus Mix by
No Responses to “Iconoclasti oggi senza frontiere”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus