registration





A password will be e-mailed to you.

Gli occhi di un bambino

{mosimage}

Quella che Mario Giro narra è la vicenda di Merzoug Hamel, un ragazzo algerino che, cresciuto in una banlieu di Parigi, sperimenta le difficoltà dello sradicamento e di una mancata integrazione, ritrovandosi così nella piccola delinquenza.
Merzoug crede di trovare risposta alle sue debolezze nell’islam radicale che gli dà una causa in cui credere e per cui combattere. Così si converte e parte per il Pakistan dove viene addestrato nei campi che di lì a poco diventeranno la base di al-Qaeda.
Nel 1994 gli viene chiesto di compiere un’azione terroristica.
Obiettivo: la sinagoga di Casablanca. Ma proprio mentre inquadra il bersaglio, Merzoug vede gli occhi di un bambino e quello sguardo gli impedisce di compiere l’irreparabile.
Il libro Gli occhi di un bambino (Guerini e Associati, 12,5 euro), racconta la storia di un giovane la cui storia, purtroppo è uguale a quella di tanti altri, figli di immigrati fintamente integrati, ma in realtà privi d’identità.

Share

On dicembre 22nd, 2005, posted in: Campus Mix by
No Responses to “Gli occhi di un bambino”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus