registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Da Virtual insanity a Rock dust light star

Per chi non li hai mai visti e sentiti dal vivo e per chi ne ha saputo, nel tempo, assaporare gli oltre 20 singoli in classifica, contribuendo con oltre 25 milioni di album venduti e 18 anni di carriera, a farne uno dei gruppi storici del pop moderno.
I numeri riguardano i Jamiroquai, che torneranno tra l’altro in Italia per quattro imperdibili date tra Milano (MediolanumForum – Assago, 30 marzo), Mantova (Palabam – 31 marzo), Torino (Palaolimpico – 2 aprile) e Firenze (Mandela Forum – 3 aprile) per presentare i brani di “Rock Dust Light Star”, il primo album di inediti pubblicato dopo cinque anni dalla band.
La band del frontman Jason Kay, infatti, dopo l’esordio nel 1991 ha raggiunto la fama internazionale nel 1994 con ”The return of the space Cowboy’‘ ma è stato Travelling Without Moving (1996) , l’album da cui furono estratte le hit ”Virtual Insanity”, ”Cosmic Girl” e ”Allright” a consacrarli definitivamente.
A colpi di funky e di un funk venato di suoni dance e mescolato al soul oltre a qualche nota di elettronica, senza dimenticare qualche incursione nei suoni rock. Ecco la ricetta giusta, per divertirsi in musica!
I biglietti sono disponibili online su http://www.ticketone.it/nc_id16920_Jamiroquai.html

Share

On gennaio 25th, 2011, posted in: Campus Mix by
No Responses to “Da Virtual insanity a Rock dust light star”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus