registration





A password will be e-mailed to you.

Alchimie by Goldfrapp on sound & vision

Quali indizi si possono dare per spiegare i Goldfrapp? Forse, l’aspetto più evocativo sono le straordinarie immagini che hanno fatto di Alison Goldfrapp, cantante e tastierista del duo inglese, un’icona di bellezza lunare, a metà strada tra l’algida perfezione di Marlene Dietrich e la seduttività statica delle donne di Tamara De Lempicka. Non a caso, il “marchio di fabbrica” del gruppo riguarda proprio la sovrapposizione di suoni e arti visive, quasi la musica avesse una doppia natura, anima e corpo; chiedesse ascolto ma anche sguardo. E’ così anche per il loro terzo album, Supernature, testimonianza di questo nuovo millennio pop, fatto di elettronica e incursioni punk, un disco che non assomiglia a nulla eppure attinge a tutta la storia della musica contemporanea.

E’ stato scritto che nessuno, meglio dei Goldfrapp, ha saputo dare una “visione sonora” della nuova Art-Pop. Forse lo si deve alla formazione di Alison, che si è specializzata in Arte e Performing Arts alla Middlesex University, la più importante accademia del Regno Unito di arti figurative, design e arti elettroniche. E’ stato proprio in quel contesto fortemente creativo, dove mescolava composizione musicale e videoinstallazioni, che Alison ha avuto modo di collaborare prima con Tricky, il guru del trip-hop, poi con gli Orbital e infine con quello che sarebbe diventato l’altra metà dei Goldfrapp, Will Gregory, affermato compositore di colonne sonore per il cinema.

Ora, chi ha amato i Goldfrapp nel loro lavoro d’esordio, Felt Mountain, e poi li ha seguiti nel secondo cd, Black Cherry, troverà che questo nuovo album segna una svolta, se possibile, ancora più realistica e “carnale”. Non più atmosfere siderali e boschi incantati, ma un sensuale mondo robotico, dove la voce di Alison passa da toni di velluto fino a picchi cristallini.

L’effetto di “incantamento” è comunque assicurato. In attesa di poterli vedere dal vivo anche in Italia – la fama dei concerti dei Goldfrapp è incredibile: il mix di suoni e immagini sul palco viene realizzato come una vera performance, ballerini con teste di cervo, paillettes e conturbanti nudità – rilassatevi sul divano e ascoltate il canto di questa sirena.

www.goldfrapp.co.uk

Share

On settembre 30th, 2005, posted in: Campus Mix by
No Responses to “Alchimie by Goldfrapp on sound & vision”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus