registration





Verrà spedita una password via e-mail.

Come formare manager a prova di crack

Che cosa servirà ai dirigenti di domani per evitare gli errori e i dissesti di quelli di oggi? Lo chiediamo a Stefano Gnes, corporate relation manager di Cems, Community of european management school (www.cems.org), l’alleanza fra istituzioni universitarie e aziende internazionali nata 21 anni fa e che oggi si compone di 27 scuole di quattro continenti e 60 multinazionali.
Domanda inevitabile, dato il periodo che attraversiamo: qual è l’antidoto per formare giovani dirigenti a prova di crisi?
E’ il dibattito del momento, sul quali si interrogano tutte le grandi scuole e imprese presenti nel nostro consorzio. Per ora possiamo descrivere che cosa facciamo noi per garantire una formazione che crediamo adatta anche per il futuro prossimo: concepiamo master che, sin dalla messa a punto dei programmi, vedono collaborare personalità accademiche e professionisti d’azienda, nella speranza che teoria e prassi di queste due diverse esperienze si amalgamino sino a offrire una formazione duttile, completa sul presente e sufficientemente elastica per recepire in futuro i cambiamenti che, nel mondo dell’economia, sono continui.
Quale valore aggiunto portano le aziende nella messa a punto dei programmi?
Conoscenze eterogenee. Specie grazie al fatto che, per ogni corso, è prevista la collaborazione di imprese di settori diversi, per rendere più diversificati possibile i contributi che porteranno agli studenti: si va da gruppi impegnati nel settore energetico a quello del lusso, dalla consulenza alla tecnologia, dalla finanza alla telefonia. Crediamo che la dissonanza di percorsi porti a un’ideale poliedricità sia nella vision e nella forma mentis degli allievi, sia nei contenuti didattico-culturali che assimilano.
Sempre più, oggi, si considerano momenti pedagogici non solo quelli trascorsi in aula…
Esatto. Tutto il periodo di un corso è formativo, con i suoi step impegnativi e meno. Lo stesso processo iniziale di selezione, per esempio, offre skill di conoscenza a chi vi prende parte perch

Share

On marzo 25th, 2009, posted in: Formazione by
No Responses to “Come formare manager a prova di crack”
Leave a Reply

Vai alla pagina facebook del Salone dello StudenteVai alla pagina Twitter del Salone dello StudenteVai alla pagina Youtube del Salone dello Studente
Vai al sito Campus